BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Unico 2015, 730 2015 precompilato e ordinario: novità studi di settore, istruzioni, proroga, correzioni errori Agenzia Entrate

Per ragioni differenti la compilazione dei modelli Unico 2015 e 730 2015 precompilato è piena di problema. Le proroghe delle scadenze sembrano inevitabili.




Non c'è ancora l'ufficialità, ma sia per il modello Unico 2015 sia per il 730 2015 precompilato sono in arrivo proroghe di scadenze. Nel primo caso viene ipotizzato uno slittamento dei termini di pagamento delle imposte dovute a titolo di saldo e di primo acconto dal 16 giugno ai primi giorni del mese di luglio per via del ritardo della disponibilità del software Gerico, indispensabile per l'elaborazione delle posizioni dei contribuenti sulla base dell'ultima revisione degli studi di settore. Fino a questo momento è disponibile solo la versione beta sul sito dell'Agenzia delle Entrate seguendo il percorso Cosa devi fare > Dichiarare > Studi di settore e parametri > Studi di settore > Software > Gerico 2015 beta.

Nel caso del 730 precompilato, i problemi sono riferiti all'assenza di dati importanti, a partire da quelli relative alle detrazioni da lavoro dipendente, di cui manca il conteggio da parte dell'amministrazione finanziaria. In particolare nella finestra di accesso appare il messaggio "nel tuo 730 precompilato non sono riportati i giorni di lavoro dipendente o di pensione, quindi l'esito (debito o credito) non tiene conto delle relative detrazioni". Le associazioni di categoria stanno chiedendo (e probabilmente otterranno) una proroga dei tempi di trasmissione del modello. Dal 7 luglio si potrebbe passare al 14 luglio 2015.

L'Agenzia delle Entrate ha poi rilasciato il software Unico SP 2015 per la compilazione del modello Unico e la creazione del relativo file da inviare per via telematica. Come spiegato, alla base del funzionamento c'è una nuova tecnologia di distribuzione dei software basati su Java che permette di usufruire delle applicazioni direttamente dal web. A questo modello fanno riferimento società semplici, società in nome collettivo e in accomandita semplice, società di armamento, società di fatto o irregolari, associazioni senza personalità giuridica, costituite fra persone fisiche per l'esercizio in forma associata di arti e professioni, aziende coniugali, se l'attività è esercitata in società fra i coniugi, gruppi europei di interesse economico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il