BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2015 e Tasi 2015: calcolo, compilazione F24, bollettini tutte le città e Comuni con aliquote vecchie e nuove.

Eventuali cambiamenti di aliquote costringerebbero i contribuenti a effettuare di nuovo i calcoli prima del pagamento di Tasi e Imu 2015.




Tutte le città italiane sono coinvolte dal pagamento del primo acconto di Tasi e Imu 2015. I contribuenti di Milano, Roma, Bologna, Firenze, Palermo, Napoli, Torino, Bari, Genova dovranno passare alla cassa per l'acconto che è pari al 50% della somma totale. La Tasi è dovuta per i servizi indivisibili, l'Imu per le proprietà immobiliari (escluse le prime case). Tutto semplice? No, perché se l'amministrazione comunale in cui ricade la propria abitazione ha modificato le aliquote rispetto a quelle dello scorso anno, come nel caso di Bologna, Firenze, Padova, Modena, Livorno, Cagliari, Rimini, Pescara, occorre rifare i calcoli.

Prima di presentarsi a uno sportello bancario o postale con il modello F24 compilato, è meglio fare una verifica presso il proprio comune o sul sito del dipartimento delle Finanze e utilizzare più di un simulatore per effettuare i calcoli. In questa pagina è comunque presente la nostra calcolatrice, gratuitamente utilizzabile e costantemente aggiornata con le nuove variazioni di aliquote. Nel caso in cui la propria amministrazione ha lasciato tutto immutato, è sufficiente riprendere i bollettini dello scorso anno e pagare il medesimo importo. E attenzione alle detrazioni: si profilano tagli e riduzioni nella maggior parte dei comuni italiani.

I codici tributo da utilizzare per il pagamento dell'Imu sono 3912 per abitazione principale e pertinenze (solo categorie catastali A1, A8 e A9), 3914 per terreni, 3916 per aree fabbricabili, 3918 per altri fabbricati, 3925 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, allo Stato, 3930 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, al Comune. Quelli per il versamento della Tasi sono 3958 su abitazione principale e pertinenze, 3959 su fabbricati rurali strumentali, 3960 su aree fabbricabili, 3961 su altri fabbricati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il