BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Expo 2015: padiglioni, ristoranti, percorsi migliori bambini e adulti. Guida, biglietti prezzi sconti, più bassi e orari nuovi

Ristoranti e Cluster imperdibili all’Expo Milano 2015, Come e a che prezzi acquistare i biglietti e nhuovo orario prolungato fino a mezzanotte: informazioni utili




L’Expo di Milano 2015 continua a celebrare l’importanza della vita e del cibo e continua a registrare un boom di ingressi, con novità che prevedono innanzitutto un allungamento degli orari di apertura del Sito Espositivo. Se, infatti, inizialmente l’orario di chiusura era previsto per le 23, dopo aver notato una straordinaria affluenza di gente nelle prime settimane, l’orario di chiusura è stato prorogato a mezzanotte. Considerando la vastità del Sito Espositivo, è consigliabile organizzare la propria visita qualche giorno direttamente consultando il sito www.expo2015.org per scoprire mappa, Paesi con i loro Padiglioni, aree tematiche, percorsi per adulti e bambini, e le iniziative in programma ogni giorno.

Per quanto riguarda, l’acquisto dei biglietti, si possono sempre comprare e sono diverse le tipologie disponibili, da quelli a data aperta e quelli a data fissa, ai biglietti che permettono di entrare in fiera per due giorni o tre, agli abbonamenti, anche per l’intera durata dell’Expo fino alla fine di ottobre, agli ingressi per famiglie con bambini, a promozioni speciali per anziani e disabili. Il biglietto serale costerà, invece, sempre 5 euro, valido dalle 19 a mezzanotte. I bambini fino a 3 anni di età entrano gratuitamente e il biglietto deve essere ritirato presso l’Expo Gate di Piazza Cairoli, presso alcune rivendite autorizzate o presso la biglietteria dell’Expo in prossimità dell’evento.

I bambini da 4 a 13 anni pagano cifra ridotta soltanto in abbinata ad un pacchetto famiglia o singolarmente con un biglietto per adulto precedentemente acquistato. Gli anziani a partire da 65 anni possono godere di sconti, ma possono acquistare il biglietto solo in loco presentando documento personale; invalidi e disabili devono certificare la propria situazione per poter accedere all’acquisto di un biglietto a costo ridotto e il biglietto per l’accompagnatore è gratuito; mentre gli studenti universitari possono acquistare il biglietto al costo fisso di 10 euro.

Gli studenti possono, invece, acquistare il biglietto direttamente presso i propri Atenei rivolgendosi alle segreterie, mentre tutti gli altri possono acquistare in ogni momento il proprio biglietto o attraverso il sito Internet della Fiera, www.expo.org con carta di credito, o presso i rivenditori autorizzati, l’Expo Gate situato a Largo Cairoli a Milano.
 
Visitando l’Expo, ci si imbatte in strutture architettoniche davvero straordinarie, alcune molto particolari, e che sono i Padiglioni degli oltre 145 Paesi protagonisti dell’evento. Da quello del Giappone, composto da 17mila pezzi di legno incastrati tra loro in modo da lasciar penetrare la luce solare, dove c’è un ristorante da dieci tavoli dove si può fare un pranzo virtuale; a quello del Belgio, lungo la cui facciata di vetro sono posizionati bicchieri di birra giganti che lasciano filtrare la luce, mentre a destra, su un muro di cioccolato, alcuni schermi rappresentano il know how dell'industria cioccolatiera belga; nel chiosco dietro al Padiglione Zero, dedicato al Risotto milanese, si può degustare il risotto allo zafferano preparato dallo chef ambassador dell’esposizione Davide Oldani, al costo di 10 euro.

Nel Padiglione della Francia, poi, fino al 31 maggio si può provare la cucina di Régis Marcon (vincitore del Bocuse d’Or nel 1995) con piatti tipici del Rhone Alpes, che propongono cacciagione ai funghi selvatici con legumi croccanti, Omble chevalier de l’Isère con asparagi, piatto di formaggi e dolce al cioccolato a 37 euro. E’ il menu découverte, ma ci sono anche piatti a la carte.

Da non perdere i Cluster presenti, soprattutto quello del Cacao e del Cioccolato, dove si trovano varietà di cioccolato di tutti i gusti più classici e più sfiziosi. C’è solo l’imbarazzo della scelta tra cioccolato in tavolette, cioccolato fuso (4 euro), gelato (2,50 euro a cono), waffle (4,50 euro) e molte altre tipologie.Tra i gusti più particolari, il cioccolato di Modica allo zucchero di canna e al rhum, ai fichi d’india, all’arancia e anche il cioccolato grezzo equo-solidale, con prezzi intorno ai 4 euro all’etto per ogni varietà.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il