Pensioni vecchiaia, donne, uomini riforma Governo Renzi: novità conseguenze elezioni regionali contributivo, quota 100, prestito

Tema riforma pensioni centrale per esiti elezioni e cosa potrebbe accadere dopo: possibili scenari e quali le ipotesi al vaglio

Pensioni vecchiaia, donne, uomini riform


Il tema della riforma pensioni continua ad essere al centro della discussione politica e rappresenta la questione cruciale su cui si giocano le stesse elezioni regionali di domenica prossima 31 maggio. La domanda che ci si pone è quanto peseranno gli esiti delle elezioni sulle pensioni e viceversa? E’, infatti, tornato prepotentemente protagonista delle novità e ultime notizie da parte dello stesso premier Renzi, in silenzio in questi mesi sulla questione, il tema, proprio perché si sa che è quello centrale che interessa in maniera pratica e concreta tutti i cittadini. E, come ci aspettavamo, proprio in questi giorni Matteo Renzi ha aperto a nuovi interventi sulle pensioni che potrebbero arrivare con la prossima Manovra Finanziaria.

E’, però, d’obbligo procedere effettivamente alla realizzazione di piani al vaglio, da quota 100 a mini pensione o prestito pensionistico, all’assegno universale, se il Pd dovesse vincere quasi ovunque, come riferito dagli ultimi sondaggi.

Non farlo e lasciare tutto in sospeso come fatto con il bonus di 80 euro anche per i pensionati, anticipato da Renzi stesso l’anno scorso e proprio in periodo elettorale, farebbe perdere letteralmente consensi al governo con il rischio di nuovi e forti proteste. Anche Forza Italia punta sulle pensioni per riacquistare terreno e con Berlusconi che spiega che il suo programma prevede di portare a mille euro le pensioni minime.

L’importanza delle pensioni e della necessità di modifiche per tutti i cittadini è dimostrata anche dagli esiti delle prime elezioni amministrative che si sono già tenute in Trentino e Val D’Aosta, dove ha predominato la Lega che da sempre, come ben noto, chiedere di cambiare del tutto l’attuale legge pensionistica. E la sua vittoria dimostra come sia particolarmente diffusa tra tutti l’intenzione di modificare la riforma pensioni oggi in vigore.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il
Puoi Approfondire