Le prime elezioni online su Internet al mondo saranno fatte in Estonia

L'Estonia, paese di un milione e quattrocentomila abitanti che si affaccia sul mar Baltico, sarà la prima nazione al mondo dove si potrà votare su internet per le elezioni parlamentari



L'Estonia, paese di un milione e quattrocentomila abitanti che si affaccia sul mar Baltico, sarà la prima nazione al mondo dove si potrà votare su internet per le elezioni parlamentari. Le consultazioni si terranno il 4 marzo e la decisione è vista da molti commentatori come un segno tangibile del forte interesse del Paese nei confronti delle nuove tecnologie dopo la sua uscita dall'Unione Sovietica nel 1991.

Il sistema è stato ampiamente testato la scorsa settimana in una tornata elettorale davvero particolare: agli elettori, per prova, è stato chiesto di votare, tra dieci animali, per il re della foresta. "È difficile dire quante persone utilizzeranno il sistema elettronico - spiega Arne Koitmae della commissione elettorale - ma la scorsa settimana, a scegliere il re della foresta, sono stati in 3.925". Secondo i calcoli della commissione, tra le 20mila e le 40mila persone (di 940mila votanti) sperimenteranno la forma di voto.

Non è la prima volta che l'Estonia sperimenta il voto elettronico. Già nell'ottobre 2005 circa 10mila persone hanno votato per le elezioni locali. La procedura è semplice ma, sembra, sicura. Gli elettori dovranno inserire la loro carta d'identità elettronica in uno speciale lettore di schede collegato al computer e poi inserire due password.

In Italia e il molti altri paesi occidentali si è parlato spesso dell'introduzione del voto elettronico. Cosa che però, almeno per il momento, sembra molto lontana soprattutto a causa di chi considera il voto elettronico un sistema poco sicuro.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il