BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: quota 100, mini pensione, assegno universale, contributivo Draghi è contro

Il presidente della Bce Draghi rilancia sulle riforme strutturali avviate nei Paesi europei in difficoltà ma contrario a modifiche su pensioni: le ultime notizie




Modificare l’attuale riforma pensioni con piani di uscita a quota 100, mini pensione, ricalcolo dell’assegno finale, ma anche l’assegno universale per cambiare i rigidi requisiti pensionistici oggi richiesti per andare in pensione e rendere più equo e sostenibile il sistema pensionistico, con misure atte anche a sostenere chi rischia di andare ad accrescere le fila dei casi sociali, dopo quelli di esodati e quota 96 della scuola. Il governo Renzi si apre a nuove possibilità di interventi pensionistici, la volontà è comune, l’Inps è pronto a continuare sulla sua strada di cambiamento reale già avviato ma le novità e ultime notizie non sono poi così positive.

Secondo il presidente della Bce Draghi, intervenuto qualche giorno fa su questione lavoro e crisi nei Paesi europei in difficoltà, la necessità è quella di intervenire sul mercato del lavoro con quelle riforme strutturali avviate già nei diversi Paesi, perché, come diverse volte già ribadito da esperti e studiosi, la rigidità del mercato del lavoro in Italia deriva essenzialmente dal mancato ricambio generazionale, che deriva dall’irrigidimento dei requisiti pensionistici imposti dall’attuale legge. Nonostante Draghi sostenga la necessità di proseguire sulla strada delle riforme strutturali, si dice anche contrario a modifiche delle riforme già in vigore, compresa quella delle pensioni.

Draghi spiega che “In una unione monetaria non ci si può permettere di avere profonde e crescenti divergenze strutturali tra paesi, perché queste tendono a diventare esplosive. Non c'è momento migliore per fare le riforme che ora” ma c’è da sottolineare che modifiche a quella riforma pensioni tutelata da tutti gli organismi europei potrebbero essere proprio il punto di ripartenza per una ricrescita più concreta dell’Italia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il