BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cookie siti web e blog dal 2 Giugno 2015 obbligatori per legge: cosa bigona fare in attesa novità Garante della Privacy

Scattano lunedì le nuove disposizioni sull'utilizzo del cookie e l'obbligo di informare tempestivamente gli utenti. Attenzione alle sanzioni.




Entro il 2 giugno occorre mettersi in regola con le nuove norme sui cookie. In buona sostanza sarà necessario acquisire il consenso degli utenti nel caso di cookie utilizzati per creare profili relativi all'utente in base alle sue scelte e preferenze, al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con il profilo creato. Oppure basterà una nota informativa per quelli strettamente necessari per far funzionare il sito web e per fornire il servizio offerto e richiesto dall'utente. Già nel momento in cui l'utente accede a un sito web, deve essergli presentata una prima informativa breve contenuta in un banner a comparsa immediata sulla homepage.

Come spiegato dal garante, deve contenere 5 tipi di informazione: che il sito utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete, che il sito consente anche l'invio di cookie terze parti (se accade, il link all'informativa estesa, con le indicazioni sull'uso dei cookie tecnici e analytics e la possibilità di scegliere quali specifici cookie autorizzare, l'indicazione che alla pagina dell'informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie, l'indicazione che la prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.

Nel caso di mancato rispetto del provvedimento sono previste severe sanzioni amministrative da 6.000 a 36.000 euro per il caso di omessa informativa o di informativa inidonea, da 10.000 a 120.000 euro per l'installazione di cookie sui terminali degli utenti in assenza del preventivo consenso degli stessi, da 20.000 a 120.000 euro per l'omessa o incompleta notifica al garante.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il