Pensioni anticipate ultime notizie: nuovi scenari si aprono dopo risultati elezioni Spagna, Polonia con Ue più aperta

Quali conseguenze sulla politica comunitaria nell'ambito della riforma pensioni dalle recenti elezioni in Spagna e Polonia?

Pensioni anticipate ultime notizie: nuov


Le politiche di austerità dell'Unione Europea, anche in riferimento alla riforma pensioni, non convincono gli elettori. Succede così che, dando uno sguardo a novità e ultime notizie, sia dalla Spagna sia dalla Polonia arrivano segnali inequivocabili. Nel paese iberico, dove si è votato per eleggere oltre 8.000 consigli comunali in attesa delle elezioni politiche previste per il novembre di quest'anno, i popolari sono stati travolti dal ciclone di Podemos, forza politica di sinistra contraria alle scelte di Bruxelles. In Polonia a sollevare le braccia al cielo nella partita per la presidenza del Paese è stato Andrzej Duda: 43 anni, proveniente dal partito di opposizione Diritto e Giustizia e, soprattutto, euroscettico.

Per dirla con le parole di Matteo Renzi, "le elezioni dimostrano quello che io dico da tempo: in Europa ci vuole meno burocrazia e più politica. Non si può costruire l'Europa attraverso meccanismi di natura puramente tecnocratica Questa è un'illusione". In buona sostanza questo esito elettorale potrebbe aprire scenari inediti sulla politica comunitaria, considerata troppo rigida dai paesi europei. La stessa riforma pensioni è stata fin qui ostacolata proprio da Bruxelles, favorevole al mantenimento delle attuali regole previdenziali.

In questo contesto europeo c'è da seguire con attenzione i fatti della Grecia. L'intesa tra il paese ellenico e i suoi creditori si allontana e si avvicina ormai da troppo tempo. Il premier Alexis Tsipras lo ha detto chiaro: "Siamo alla stretta finale, si va verso un accordo positivo. È ovvio che servano calma e determinazione, stiamo lavorando con tre istituzioni differenti che spesso hanno punti di vista opposti. Presenteremo presto i dettagli". Il governo greco ha anche assicurato che stipendi e pensioni, che fino a due giorni fa sembravano a forte rischio, verranno pagati regolarmente questa settimana e che non c'è alcun rischio per i depositi bancari. Secondo il premier Renzi, in caso di fallimento della Grecia, almeno nel breve periodo non ci saranno ripercussioni.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il