BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2015 e Tasi 2015: calcolo F24 prima casa, terreni, seconda casa. Pagamenti, detrazioni, esenzioni,aliquote,regole tutti Comuni

Anche quest'anno c'è da fare i conti il versamento dell'acconto di Imu e Tasi 2015. Ecco quando occorre rifare i calcoli dell'importo.




Sono tutte le città italiane interessate al pagamento della prima rata di Imu e Tasi 2015, compresi i capoluoghi di regione Roma, Torino Trento, Milano, Napoli, Palermo, Bologna, Cagliari, Campobasso, Firenze, Genova, L'Aquila, Perugia, Potenza, Catanzaro, Ancona, Trieste, Venezia, Aosta, Bari. L'importo da versare è lo stesso dello scorso anno solo nel caso in cui non ci siano state variazioni di aliquote. Altrimenti occorre mettere mano alla calcolatrice. Per semplificare la procedura è disponibile in questa pagina il nostro simulatore online, costantemente aggiornato ai cambiamenti. In parallelo occorre verificare eventuali e possibili modifiche nelle regole sulle detrazioni.

Il meccanismo di calcolo dell'Imu è sempre lo stesso. Si parte dalla rendita catastale attribuita all'immobile al primo gennaio dell'anno, da rivalutare del 5%. La rendita rivalutata va moltiplicata per un coefficiente che cambia a seconda della tipologia dell'immobile, invariato rispetto al 2014. Per le abitazioni e le relative pertinenze il coefficiente è di 160; per gli uffici è 80 e per i negozi 55. Base imponibile dimezzata per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati. Dimezzata la base di calcolo anche per i fabbricati di interesse storico e artistico. Per i terreni agricoli e incolti si considera il reddito dominicale rivalutato del 25% e moltiplicato per 135 oppure per 75 se il titolare del terreno è un coltivatore diretto o imprenditore agricolo.

I codici tributo per il pagamento della Tasi da indicare nel modello F24 sono 3958 su abitazione principale e pertinenze, 3959 su fabbricati rurali strumentali, 3960 su aree fabbricabili, 3961 su altri fabbricati. Quelli per il versamento dell'Imu sono 3912 per abitazione principale e pertinenze (solo categorie catastali A1, A8 e A9), 3914 per terreni, 3916 per aree fabbricabili, 3918 per altri fabbricati, 3925 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, allo Stato, 3930 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, al Comune.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il