BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, uomini riforma Governo Renzi: novità nuovi scenari quota 100, contributivo dopo elezioni Spagna,Polonia

Quali novità e ultime notizie sulla riforma pensioni in seguito alla vittoria di forze anti Bruxelles alle elezioni in Spagna e Polonia?




Ci sono le recenti elezioni in Spagna (comunali) e in Polonia (presidenziali) che potrebbero rappresentare uno spartiacque importante per la riforma pensioni in Italia. A vincere sono stati infatti quelle forze politiche contrarie alle politiche di rigore dell'Unione Europea. Sono dunque da mettere in conto concessioni da Bruxelles sui rigidi parametri in cui incamera i paesi comunitari? Proprio l'eccessiva rigidità è stata una delle cause che in Italia sta bloccando ogni ipotesi si cambiamento profondo e incisivo delle regole sulla previdenza.

Non è affatto un caso che non sia stato dato alcun seguito alle ipotesi di modificare il sistema delle pensioni secondo le proposte fin qui avanzate. Qualche esempio? Quella del prestito previdenziale, sostenuta dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, con cui dare ai lavoratori disoccupati oltre i 55 anni la possibilità del congedo, l'applicazione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione quale tetto da raggiungere per il ritiro dal mondo del lavoro, l'estensione a tutti i lavoratori in attività del calcolo dell'assegno previdenziale con il metodo contributivo.

A livello europeo occorre poi seguire con attenzione l'esito della questione Grecia. A giugno il governo ellenico deve rimborsare circa 1,6 miliardi di euro al Fondo monetario internazionale in quattro rate. La prima rata, da 302, 8 milioni, scade il 5 giugno. La seconda rata, pari a 340,7 milioni, scade il 12 giugno. La terza rata, da 568 milioni, scade il 16 giugno, Infine, il 19 luglio scade un'altra rata da 340 milioni. Il 13 luglio Atene deve rimborsare altri 454,2 milioni al Fmi. Mentre il 20 luglio deve rimborsare 3,36 miliardi alla Bce di titoli di Stato greci esentati dal default del 2012. Il 20 agosto deve rimborsare altri, 17 miliardi alla Bce di bond greci in scadenza. Ce la farà, si raggiungerà una intesa o si andrà verso il fallimento con conseguenze per tutti i paesi dell'Unione Europea?

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il