BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2015 e Tasi 2015: prima casa, affitto, terreni, secondsa casa. Calcolo, aliquote, casi particolari, detrazioni, esenzioni

I contribuenti italiani sono chiamati a pagare entro il 16 giugno la prima rata di Tasi e Imu. Attenzione ad aliquote e detrazioni.




La scadenza fiscale da segnare sul calendario è quella del 16 giugno 2015 con gli acconti di Tasi e Imu. Si pagano con bollettino postale o modello F24 in tutt le città, anche nei capoluoghi di regione, come Milano, Bologna, Roma, Firenze, Genova, Potenza, Torino, Bari, Napoli, Ancona, Palermo, Aosta, Venezia, L'Aquila, Trento, Perugia, Catanzaro, Trieste, Cagliari, Campobasso. Solo nel caso di variazioni di aliquote occorre rifare i calcoli per cui abbiamo messo a disposizione in questa pagina un simulatore online gratuitamente utilizzabile. Il consiglio è quello di fare controlli incrociati con i software eventualmente sviluppati dalla propria amministrazione.

Devono versare l'Imu i proprietari di immobili e coloro che sono titolari di un diritto reale di godimento, come l'usufruttuario o chi ha un diritto di abitazione, di uso, di enfiteusi e di superficie. In caso di separazione, obbligato al versamento è l'ex coniuge affidatario della casa coniugale, anche se non proprietario, che fruisce dell'esenzione a condizione che vi dimori abitualmente e risieda anagraficamente. Per gli immobili in multiproprietà, l'Imu va pagata dall'amministratore. L'imposta deve essere versata anche dalle società per tutti gli immobili posseduti di qualsiasi categoria catastale, anche se utilizzati nell'esercizio della propria attività, con esclusione degli immobili merce, costruiti e invenduti e non affittati. Per gli immobili in leasing, l'Imu è dovuta dall'utilizzatore.

La Tasi è la tassa sui servizi indivisibili che va versata da tutti, anche dai proprietari di prima casa. Una parte dell'import, tra il 10 e il 30%, è carico dell'eventuale locatario. Il comune può anche deliberare eventuali esenzioni o riduzioni, ad esempio per l'abitazione degli italiani residenti all'estero. E può assimilare all'abitazione principale l'unità immobiliare concessa in comodato ai parenti in linea retta entro il primo grado che la utilizzano come abitazione principale. Occorre leggere con attenzione le delibere.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il