BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anticipate ultime notizie: sempre più necessari e urgenti interventi dopo grave dato economico

Novità e ultime notizie sulla riforma pensioni Renzi ricordano come è tempo di un vero cambiamento di rotta. Indicatori economici negativi.




La riforma pensioni è urgente. A rivelarlo, ancora una volta, sono i tanti report sullo stato dell'economia in Italia, sul livello di disoccupazione giovanile e sulla difficoltà a sostenere socialmente l'attuale impianto previdenziale. C'è l'Ocse, ad esempio, che inchioda il nostro Paese insieme alla Grecia nella classifica con il più alto numero di giovani senza lavoro. Evidentemente non bastano i provvedimenti inseriti nel Jobs Act, ma occorrono anche misure legate al settore previdenziale che favoriscano l'uscita con qualche anno di anticipo così da favorire il ricambio generazione. Da quanto tempo si parla di part time, quota 100 o mini pensioni?

Poi ci sono i nuovi numeri del Ministro dell'Economia. Si tratta di dati preoccupanti relativi alle dichiarazioni fiscali del 2014. Se davvero il governo vorrà adottare nella prossima legge di stabilità misure antipovertà destinate alle fasce sociali più deboli, rimaste escluse dal bonus 80 euro, dovrà fare i conti con molte categorie che finora non aveva ancora preso in considerazione: corniciai, titolari di mercerie e negozi di scarpe e abbigliamento. Commercianti il cui reddito 2013, dichiarato con gli studi di settore, non ha superato gli 8.000 euro, soglia che distingue gli incapienti dagli altri contribuenti, e sotto la quale non si paga un euro di tasse.

Guardando ai redditi medi da lavoro dipendente emerge un'elevata variabilità rispetto alla diversa natura del datore di lavoro: il reddito medio più basso, pari a 10.680 euro, si osserva per i lavoratori dipendenti il cui datore di lavoro è una persona fisica (1,5 milioni di dipendenti). Il valore sale a 13.960 euro per i dipendenti di società di persone (1,4 milioni), a 22.400 euro per i dipendenti della pubblica amministrazione (3,5 milioni), mentre lo stipendio medio più elevato, pari a 23.580 euro, si registra per i dipendenti delle società di capitali (10,3 milioni).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il