BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezioni risultati ufficiali, spoglio voti, scrutini aggiornamenti, tempo reale Campania, Puglia, Liguria, Umbria Pd, Lega, Fi,M5S

Per entrare nei rispetti consigli regionali occorre superare sempre soglie di sbarramento. Ecco come rimanere aggiornati sugli scrutini.




Ci sono la Puglia, Campania, Toscana, Umbria, Liguria, Veneto, Marche a essere interessate dalle elezioni regionali in programma oggi 31 maggio 2015. Dalle 7 alle 23 sarà possibile esprimere la propria preferenza al seggio elettorale di appartenenza, in cui occorre presentarsi minuti di tessera elettorale e documento di riconoscimento valido. Per risultati e aggiornamenti in tempo reale sull'andamento degli scrutini, il sito principale è quello del Ministero dell'Interno e quello creato ad hoc sulle elezioni. Ma ci siamo anche noi di businessonline.it così come le prime proiezioni saranno disponibili sui siti della Repubblica, di Sky TG24, del Corriere della Sera, del Sole 24 Ore.

Le Regioni hanno previsto soglie di sbarramento. In Veneto è di coalizione: 5% a meno che non vi sia all'interno un gruppo di liste che abbia superato il 3%. In Liguria è di lista: 3% per le liste provinciali salvo che siano collegate a una lista regionale che abbia superato il 5%. Non sono ammesse le liste regionali che hanno ottenuto meno del 5% del totale dei voti validi. In Toscana sono di coalizione (10% purché una lista abbia raggiunto il 3%) e di lista (5% non in coalizione, 3% in coalizione). In Umbria è di lista: 2,5%. Partecipano alla seconda fase del riparto tra coalizioni le liste che hanno conseguito voti validi pari o superiori al 2,5% dei voti della circoscrizione.

Nelle Marche è di coalizione: 5% a meno che non vi sia all'interno un gruppo di liste che abbia superato il 3%. Qui è poi in vigore la soglia minima di voti da raggiungere: è al 34%, al di sotto scatta un meccanismo proporzionale. In Campania è di coalizione: 3% a meno che siano collegate a un candidato presidente che abbia ottenuto il 10% dei voti. In Puglia sono di coalizione (8%) e di lista (4% anche per le liste facenti parte di una coalizione ammessa). Il voto disgiunto è ammesso ovunque tranne in Toscana e in Umbria.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il