BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi affermazioni Visco, Taddei, Gay, Boeri, Poletti, Damiano

Nuovi interventi sulla riforma pensioni da presidente Gay, presidente Bce Draghi e di Bankitalia Visco ma non solo: le novità e ultime notizie




E’ stata un’altra settimana decisamente piena sul fronte della riforma pensioni tra nuove discussioni e nuovi interventi che chiedono ancora modifiche alla legge pensionistica attuale o che, al contrario, ne sono totalmente contrari. Tante le novità e ultime notizie tra chi sostiene la necessità di intervenire sulle pensioni per sistemare il problema lavoro. La disoccupazione, soprattutto giovanile, continua a rimanere un grosso problema del nostro Paese, nonostante le nuove norme del Jobs Act volte a sostenere una ripresa dell’occupazione. E proprio a tal fine, il presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria, Marco Gay, ha incitato il governo ad agire in tal senso, promuovendo, cioè, forme che possano favorire il ricambio generazionale a lavoro, in modo da sostenere competitività e produttività delle imprese.

Solo, infatti, attraverso le assunzioni dei nuovi giovani, gli unici avvezzi alle nuove tecnologie, le imprese italiane potranno tornare a crescere. Ma per raggiungere questo obiettivo sarà necessario permettere piani di prepensionamento per i lavoratori più anziani, meccanismi che alcune regioni, tra l’altro, in piena autonomia, stanno già approvando. Si tratta di modifiche volte a cambiare i requisiti pensionistici dell’attuale riforma pensioni cui però si dice contrario il presidente della Bce, Mario Drgahi, pur sostenendo quanto importante sia soprattutto per i Paesi in crisi continuare sulla strada delle loro riforme strutturali, necessari per una nuova crescita.

Dalla parte di cambiamenti necessari per le pensioni e collegate al lavoro anche il responsabile economico del Pd Filippo Taddei, secondo cui interventi sul sistema previdenziale attuale italiano assicurerebbero una maggiore sostenibilità, il che significherebbe anche riuscire a garantire una maggiore sicurezza ai giovani di oggi futuri pensionati. Per rendere il sistema pensionistico più equo e sostenibile, bisogna innanzitutto permettere ai lavoratori di oggi di andare in pensione prima, su base volontaria. Ma non indica alcun sistema in particolare da approvare.

Appoggia, invece, la posizione di Draghi, il Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, secondo cui, in un momento di forte crisi come quello che l’Italia sta vivendo, la sostenibilità economica è stata resa possibile proprio dalla riforma pensionistica attuale, il che indica chiaramente come le sue dichiarazioni siano effettivamente dalla parte anche di quanto sostenuto finora dal Mef.

Per gli altri intevrenti di Boeri, Poletti e altri politici ed economisti sempre di questa settimana vi rimandiamo a questo articolo al seguente link diretto

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il