BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezioni risultati ufficiali, spoglio schede, scrutini, exit poll, chi vince Campania, Liguria, Puglia, Marche, Umbria, Veneto

Anche noi proporremo aggiornamenti in tempo reale su proiezioni, exit poll e risultati delle elezioni regionali. Appuntamento alle 23.




Cala il sipario sulla giornata di voto oggi domenica 31 maggio 2015. Tutti gli aventi diritto sono stati chiamati alle urne per le elezioni regionali in Toscana, Campania, Puglia, Liguria, Marche, Veneto, Umbria. Per conoscere exit poll, proiezioni e seguire lo spoglio è possibile fare riferimento agli ampi speciali propositi dai siti di informazione generalista come la Repubblica, Il Corriere della Sera, Huffington Post e Sky TG24, ma anche quelli più specifici come il Sole 24 Ore. Da non perdere di vista il sito del Ministero dell'Interno con le sue informazioni a carattere ufficiale e anche noi di businessonline.it che proporremo aggiornamenti continui.

Queste elezioni sono state caratterizzate dalle polemiche per la diffusione dell'elenco dei cosiddetti candidati impresentabili. Esiste infatti un codice etico approvato nel settembre scorso dalla commissione parlamentare antimafia all'unanimità. Il codice si applica solo a reati come traffico di stupefacenti, di rifiuti, reati contro la pubblica amministrazione, estorsione, usura, riciclaggio, danno erariale. Il documento è di fatto una autoregolamentazione che si sono dati i partiti, impegnandosi a non candidare certi soggetti. Non sono previste sanzioni. Gli impresentabili sono stati comunque individuati solo in alcune delle liste in Campania e in Puglia.

Il sistema elettorale della regione Puglia è a unico turno di votazione e la possibilità di esprimere voto disgiunto. Il consiglio regionale è composto da 50 consiglieri più il presidente proclamato eletto. I primi 23 seggi vengono ripartiti a livello circoscrizionale e i restanti 27 a livello di 19 collegio unico regionale. La soglia di sbarramento è dell’8% per le coalizioni e le liste che si presentano da sole e del 4% per le liste che si presentano in coalizione. Previsto un premio di maggioranza variabile: se la coalizione vincente raggiunge o supera il 40% dei voti, ottiene almeno 29 consiglieri; se riceve tra il 35% e il 40% dei voti, ottiene almeno 28 seggi; se scende sotto il 35% dei voti, gli vengono assegnati almeno 27 seggi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il