BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezioni risultati, spoglio ufficiale voti, chi vince in tempo reale Pd, Lega, M5S, Fi Liguria, Campania, Puglia, Umbria, Marche

Al via a breve la lunga maratona elettorale che porterà all'individuazione dei nuovo governatori di Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, Campania e Puglia.




Sono state 7 le regioni che sono andate al voto oggi 31 maggio 2015 per il rinnovo dei consigli e la scelta dei governatore: Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, Campania e Puglia. Di queste, 5 sono attualmente governate dal centrosinistra: Liguria, Toscana, Marche, Umbria e Puglia. Dove conoscere in tempo reale exit poll, affluenza alle urne e proiezioni? I punti di riferimento sono tanti, a partire dai siti dei quotidiani la Repubblica e il Corriere della Sera. Entrambi presentano un ampio speciale con informazioni costantemente aggiornate.

Da non perdere di vista l'Huffington Post con i suoi approfondimenti su questa chiamata al voto. Della partite c'è anche il sito di Sky TG24. Invitiamo a consultare il sito del Ministero dell'Interno per le informazioni ufficiale e a rimanere collegati su questo portale per avere aggiornamenti continui.

In Puglia la sfida è fra Michele Emiliano del centrosinistra, due candidati di centrodestra - Francesco Schittulli (Forza Italia) e Adriana Poli Bortone (Fratelli d'Italia), sostenuta anche dalla Lega - Antonella Laricchia del Movimento Cinque Stelle, Michele Rizzi di Alternativa comunista, Riccardo Rossi dell'Altra Puglia, Gregorio Mariggiò dei Verdi. In Veneto ci provano Luca Zaia della Lega e appoggiato anche da Forza Italia, Flavio Tosi, ex Lega e appoggiato anche dal Nuovo Centrodestra, Alessandra Moretti (PD), Jacopo Berti del Movimento 5 Stelle, Alessio Morosin (lista Indipendenza Veneta), Laura Di Lucia Coletti (lista L’Altro Veneto) e Sebastiano Sartori di Forza Nuova.

Il sistema elettorale del Veneto è con un turno unico di votazione e possibilità di esprimere voto disgiunto. Il consiglio regionale è composto da 50 consiglieri più il presidente proclamato eletto. La legge elettorale regionale prevede una soglia di sbarramento al 5% per tutte le coalizioni, a meno che non vi sia all'interno un gruppo di liste che ha superato il 3%. Previsto un premio di maggioranza del 60% dei seggi se la coalizione vincente raggiunge almeno il 50% di voti validi, del 57,5% dei seggi se raggiunge un numero di voti compreso tra il 50% ed il 40%, ed infine del 55% se la coalizione raggiunge un numero di voti inferiore al 40%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il