BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: bozze pronte, cosa può cambiare con terza e quarta legge lavoro attuative

Nulla in merito alle pensioni al momento nelle prime bozze dei nuovi decreti lavoro: le ultime notizie e cosa ci si potrebbe aspettare




Si preparano ad essere presentati in questo mese di giugno terzo e quarto decreto attuativo della nuova riforma del Lavoro, che seguono i primi due su nuovi ammortizzatori sociali e indennità di disoccupazione 2015 ed entrata in vigore del nuovo contratto unico a tutele crescenti. Le bozze dei decreti, confermando quanto circolato nei mesi scorsi, prevedono misure per la tutela della maternità e per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e lavoro, puntando ad estendere gradualmente l'indennità di maternità a tutte le lavoratrici dagli attuali 8 anni di vita del bambino a 12, con quella parzialmente retribuita (30%) che dovrebbe passare dai 3 anni di età del bambino a 6 anni e quella non retribuita dai 6 anni di vita del bambino ai 12 anni.

Il premier Renzi già mesi fa aveva parlato di un orientamento ‘ di sinistra’ in riferimento ai nuovi disegni di legge, cosa che era particolarmente piaciuta a Cesare Damiano, ma al momento non risulterebbe nulla in merito alle pensioni anche se a partire da mercoledì 3 giugno sono in programma altri incontri e si potrebbe pensare di mettere a punto soluzioni di part time o dare finalmente risposte sul contributivo donna. Altra ipotesi è che tutto slitti e venga rimandato alla prossima Manovra Finanziaria d’autunno.

In quel momento si potrebbero dunque definire quei piani che garantirebbero il prepensionamento dei lavoratori più anziani favorendo l’ingresso dei più giovani nel mondo del lavoro, prevedendo però penalizzazioni sempre a carico di chi decide di andare in pensione prima, in modo da non richiedere ulteriori risorse allo Stato e nel caso in cui questo accadesse di tratterebbe di anticipi che, come ormai sappiamo da quota 100, mini pensione o uscita a 62 anni con 35 anni di contributi, verrebbero comunque restituiti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il