BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novitÓ settimana, riforma finanziamento partiti, quota 96,indulto,riforma pubblica amministrazione: novitÓ oggi mercoledý

NovitÓ e ultime notizie ad oggi mercoledý 3 giugno del governo Renzi tra discussione della riforma della P.A., novitÓ pensioni e carceri e cambiamenti partiti. Le ultime notizie




Dopo un’altra intensa settimana di discussioni sulla riforma pensioni si attende di capire quali novità potranno arrivare in merito in questo mese di giugno, mentre continua la discussione della riforma della P.A. e il governo si impegna a dare risposte concrete per chiudere il caso dei quota 96 della scuola. Vediamo le novità e ultime notizie oggi mercoledì 3 Giugno 2015. 

Pensioni: Si è appena conclusa una settimana decisamente piena di discussioni sulle pensioni e l’attesa ora è capire quali novità porterà questo mese di giugno ricco di appuntamenti che potrebbero porre le basi per cambiamenti concreti delle pensioni. Da mercoledì prossimo 3 giugno iniziano i nuovi incontri tra governo e sindacati anche per valutare proposte e modifiche di ministro Poletti, presidente dell’Inps Boeri e non solo. Entrambi infatti si preparano a presentare tra qualche settimana probabilmente una nuova proposta di modifiche pensionistiche, a partire dall’assegno universale per gli over 55. Ma non solo, per cui si attendono novità. Continua intanto la discussione sulla riforma della Scuola, che potrebbe chiudere una volta per tutte il caso dei quota 96 della scuola, visto il dichiarato impegno preso dal governo. Intanto, mentre ci si chiede quali potrebbero essere le reali modifiche alle pensioni tra ricalcolo contributivo e piani di prepensionamento tra quota 100, mini pensione o prestito pensionistico, o pensione a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni, restano da considerare problemi e ostacoli da superare, a partire dalla contrarietà ben nota di Ue e Mef a interventi pensionistici, per arrivare alle ultime dichiarazioni del presidente della Bce Draghi e del governatore della Banca di Italia Visco che non sono favorevoli a modifiche della previdenza.

Riforma Pubblica amministrazione: Accorpare le forze di polizia, eliminando le duplicazioni di funzioni per spendere meno e guadagnare in efficienza: così il governo vuole cambiare le forze dell’ordine con il ddl di riforma della P.A. all’esame della Camera. Il ministro Madia ha spiegato che “Oggi i corpi di polizia sono cinque, abbiamo deciso di accorpare tutti i servizi strumentali come gli uffici acquisti, gli uffici legali e altri”. Ciò non significa che carabinieri e poliziotti si fonderanno ma si cercherà di far coesistere i corpi senza sovrapposizioni, specializzando maggiormente le funzioni di ognuno. Come detto dalla Madia, infatti, “Le forze di polizia spesso hanno funzioni uguali, noi abbiamo deciso di non avere più la duplicazione delle funzioni” e ha precisato che oltre all’assorbimento dei servizi strumentali, si prevede anche l’assorbimento della Forestale in un altro corpo di Polizia. Per il Corpo forestale dello Stato si prevede “di aumentare la tutela del territorio, ognuno deve avere una propria specialità”. La Madia ha inoltre detto “Mi auguro che la legge sulla P.a. e la sua attuazione ci portino uno Stato che sia uno Stato semplice per i cittadini”.

Quota 96: Il governo si prepara, finalmente, a risolvere una volta per tutto il caso dei quota 96. Dopo la questione risarcimento fissati dall’Alta Corte, infatti, dovrebbe toccare al piano di congedo dei 4mila lavoratori della scuola, tra personale Ata e docenti. L’impegno dichiarato dall’esecutivo arriva dopo la presentazione di ben sette nuovi emendamenti da Sel e M5S e se chiusa questa questione significherebbe che, dopo tanto tempo, sarebbe stata attuata la prima reale correzione alla riforma pensioni attuale.

Indulto e amnistia: Nuovamente bloccata la discussione sulle misure di indulto e amnistia, torna protagonista della questione Papa Francesco che sabato scorso ha accolto 200 bambini in visita, figli di detenuti e detenute provenienti da Bari e Trani. Il Papa li ha incontrati lasciando intendere, di nuovo, la necessità di ripensare alle misure di clemenza come unica possibilità di chiudere in maniera rapida il problema del sovraffollamento carcerario che costringere i detenuti delle strutture penitenziarie italiane a vivere in condizioni drammatiche, situazione che la pone sempre nel mirino dei controlli Ue.

Riforma partiti: Cambia la legge elettorale e si avvia ad essere modificato anche il sistema di composizione e organizzazione dei partiti. Qualche giorno fa, il Pd ha presentato una proposta all’articolo 49, dal titolo ‘Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale’, che prevede che tutti i partiti abbiano un atto costitutivo e uno statuto sotto forma di atto pubblico e la personalità giuridica sarà acquisita dopo l’iscrizione al registro nazionale dei partiti. Chi non rispetta questa norma non potrà presentare liste per correre alle elezioni. L’obiettivo dichiarato, come spiega la relazione introduttiva ai tre articoli del testo, è quello di prevedere ‘la necessaria acquisizione della personalità giuridica per i partiti che intendano prendere parte alle elezioni politiche nazionali e candidarsi alla guida del Paese’.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attivitÓ e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il