BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, uomini riforma Governo Renzi: novità quota 100, contributivo incontri e appuntamenti mese di Giugno

Entro la fine del mese di giugno, il presidente dell'Inps Tito Boeri presenterà al governo la sua proposta di riforma pensioni in Italia.




Il mese di giugno può rivelarsi decisivo per la riforma pensioni. La ragione principale va cercata nella presentazione del pacchetto di riforme elaborato dal presidente dell'Inps Tito Boeri. Quali novità mettere in conto? Le ultime notizie riferiscono come il numero uno del principale ente di previdenza italiano intende recitare un ruolo di primo piano ovvero contribuire a migliorare il sistema della pensioni grazie alla visuale privilegiata della sua posizione. Ovviamente non sarà semplice venirne a capo per i confini economici, sempre piuttosto stretti, in cui il governo si trova a muoversi.

A ogni modo, tra le tante possibili soluzioni per rendere meno rigida l'impalcatura previdenziali ci sono l'applicazione di quota 100 quale somma di età anagrafica e anni di contribuzione da raggiugere per andare in pensione; l'introduzione del prestito previdenziale per consentire il congedo dal mondo del lavoro degli over 50 disoccupati privi di sussidi di e cassa integrazione; l'estensione agli uomini il calcolo dell'assegno previdenziale con il metodo contributivo; l'introduzione dell'assegno universale nella falsariga di quanto accade negli altri paesi europei.

A livello europeo, questo è il decisivo per le sorti della Grecia, da cui ci saranno effetti anche per l'Italia. Sono 3 gli scenari possibili: sblocco entro l'11 giugno del prestito da 7,2 miliardi di euro e insieme pacchetto di riforme. Il secondo è l'introduzione temporanea di una valuta parallela, previo accordo con i creditori, il blocco della circolazione dei capitali per due anni, il controllo diretto delle banche greche da parte della Banca Centrale Europea. Il terzo è il ritorno alla dracma, la fuga dei capitali, tassi e prezzi alle stelle, recessione, niente accesso al mercato dei titoli. In questo caso non è previsto alcun impatto sulle banche europee ma ci sono incognite sull'effetto della prima uscita di un Paese dall'euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il