BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità interventi legge attuale tra favorevoli e contrari in aumento

Non tutti sono d'accordo nel fare la riforma pensioni a causa della necessità di mantenere i conti in equilibrio. Novità e ultime notizie.




Non sarà semplice riuscire a portare a casa la riforma pensioni. Nonostante le tante soluzioni proposte, dall'introduzione dell'assegno universale all'applicazione di quota 100, dalla sperimentazione del prestito previdenziale all'allargamento del sistema di calcolo dell'assegno con il metodo contributivo, parole come quelle pronunciate da Ignazio Visco, governatore della Banca d'Italia, rischiano di pesare come un macigno. A suo dire, grazie anche agli interventi di riforma del sistema pensionistico pubblico, più che in altri Paesi europei, la sostenibilità di lungo periodo della finanza pubblica può essere garantita.

Da parte sua Confindustria promuove l’operato del governo Renzi. Il presidente Giorgio Squinzi lo invita a non perdere "la determinazione", ma non rinuncia a criticare la "manina anti-impresa" che è comparsa in alcuni provvedimenti. A Susanna Camusso, leader della Cgil, "preoccupa che in una relazione fondata sull'innovazione si proponga in realtà la ricetta più antica del mondo e cioè quella della riduzione dei salari". Opposta la reazione di Anna Maria Furlan: la Cisl è "pronta a sedersi al tavolo" Per la Uil, Carmelo Barbagallo sfida "le imprese a discutere per ridare potere contrattuale ai lavoratori".

C'è poi da capire se ci saranno sviluppi dopo la decisione dell'Alta Corte di rimborsare i pensionati che si sono visti bloccare l'indicizzazione degli assegni con il decreto salva Italia. La novità dell'ultim'ora è rappresentata dall'ingiunzione di pagamento, diretta all'Inps, di oltre 3.000 euro stabilita dal Tribunale di Napoli, sezione lavoro, che il 29 maggio ha accolto il ricorso effettuato da un pensionato partenopeo. Il ricorso era stato presentato il 13 maggio, 5 giorni prima che il governo annunciasse il decreto sui rimborsi sulle pensioni. Una questione che fa il flop con il provvedimento sul Tfr in busta paga. Allo stato sono 576 i dipendenti che ad aprile hanno chiesto di riscuotere subito il Trattamento di fine rapporto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il