BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: Gutled e Boeri contro Visco, Padoan, Draghi su quota 100,contributivo,mini pensioni

Prime aperture a modifiche pensionistiche dal ministro Padoan ma è sempre scontro tra chi è favorevole a interventi e chi ne è contrario: le ultime notizie




Il ministro dell’Economia Padoan si apre a possibili modifiche alla legge pensionistica attuali e lo fa nel corso del Festival dell’Economia che si è tenuto a Trento, parlando dell’importanza del calcolo pensionistico attraverso unicamente i contributi versati durante la propria vita lavorativa e spiegando che vi sono altre ipotesi di intervento al vaglio al governo e smentendo, dunque, quanto ribadito nei giorni scorsi dal viceministro Morando. E si tratta di un’apertura importante da parte di Padoan considerando che per oltre un anno si è sempre detto assolutamente contrario a interventi sulle posizioni, sostenendo la posizione dell’Ue.

Anche il presidente della Bce, Mario Draghi, e il governatore della Banca di Italia, Ignazio Visco, nel corso della settimana scorsa sono intervenuti su riforme e pensioni, spiegando quanto sia importante continuare sulla strada delle riforme strutturali ma continuando a difendere l’attuale riforma pensioni per la sostenibilità finanziaria che garantisce al nostro Paese.

Pensare, infatti, a piani di uscita come quota 100 o mini pensione potrebbe intaccare i conti pubblici, secondo le loro opinioni. Nel mezzo tra coloro che chiedono modifiche pensionistiche e chi, invece, non le vuole, il ministro del Lavoro Poletti. Da una parte, infatti, prevede prossimi interventi pensionistici nella Manovra Finanziaria ma non appoggia il ricalcolo contributivo.

Ma se Padoan, Visco e Draghi sono contrari a modificare le attuali pensioni, chi invece potrebbe davvero cambiare le cose è il presidente dell’Inps, Tito Boeri, che, sostenuto anche dal commissario per la spending review, Yoram Gutgeld, è pronto presentare al governo una proposta di interventi tra cui l’assegno universale per gli over 55. Ma anche a continuare sulla strada dell’applicazione del ricalcolo contributivo, sostenuto dal premier Renzi stesso e suggerito anche dall’ex commissario Cottarelli.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il