BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2015 e Tasi 2015 calcolo online e compilazione F24 automatica prima casa,seconda casa aliquote aggiornate tutti Comuni

I contribuenti italiani sono di nuovo alle prese con il pagamento della prima rata di Imu e Tasi 2015. Ecco come sapere quanto versare.




Il 16 giugno 2015 è l'ultimo giorno utile per versare gli acconti di Imu e Tasi senza incorrere in sanzioni. Il pagamento può essere effettuato tramite modello F24 o bollettino postale e l'intera procedura può essere completata online. Per sapere l'importo della somma pagare occorre prendere in considerazione le aliquote e le detrazioni. Se l'amministrazione comunale di riferimento non ha apportato alcune modifiche, la somma con cui presentarsi alla cassa è la stessa dello scorso anno. In caso contrario occorre mettere mano alla calcolatrice. Per semplificare questo passaggio ci sono alcuni simulatori online da poter utilizzare, come il nostro, presente in questa pagina, che consente di generare il modello F24 precompilato e di stamparlo.

Occorre indicare il comune di appartenenza, il tipo di immobile, la rendita catastale, l'aliquota applicata, la quota di possesso, l'eventuale appartenenza dell'immobile nelle categorie storico o inagibile, i mesi di possesso e la presenza di pertinenze. Altre soluzioni con cui fare confronti sulla somma indicata sono quelle del Sole 24 Ore (ilsole24ore.com/norme-e-tributi/calcolo-imu-tasi.shtml) o la piattaforma riscotel.it.

Chi è soggetto al pagamento della prima rata dell'Imu 2015? La lista dei contribuenti coinvolti è molto lunga e comprende i proprietari delle seconde case, comprese quelle in affitto, con tanto di box auto, cantine, magazzini, tettoie e soffitte. E ancora, capannoni, alberghi, cinema, teatri, ospedali, banche, assicurazioni, cliniche ed edifici produttivi speciali ovvero i fabbricati inclusi nel gruppo catastale D. Imu confermata per le case invendute dei costruttori, le case dei militari e dei componenti delle forze dell'ordine che dimorano in caserma. E naturalmente per le abitazioni in ville, i castelli e i palazzi di eminenti pregi artistici o storici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il