BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità scontro quota 100, mini pensioni Boeri, Gutgeld e Padoan,Draghi

Nuovi piani e aperture per modificare l’attuale riforma pensioni ma resta ancora fermo il fronte del no ad interventi: la situazione attuale e ultime notizie




Si va verso la riforma delle pensioni o quanto meno questo è ciò che sembra aver promesso il governo Renzi e che, all’indomani degli esiti delle ultime elezioni regionali che hanno visto trionfare il Pd in ben cinque regioni su sette nonostante un calo di consensi, deve necessariamente mantenere. Eppure le novità e ultime notizie confermano ancora una divisione tra chi sostiene la necessità di modificare l’attuale riforma pensioni e chi invece continua a difendere la riforma in vigore. Dunque, mentre il presidente dell'Inps, Tito Boeri, si prepara a presentare l'assegno universale e nuovo piano pensioni, sostenuto dal commissario per la spending review Gutgeld, e per quanto riguarda il ricalcolo contributivo, dallo stesso premier Renzi, c’è chi sostiene l’efficienza della legge attuale.

Dal presidente della Bce, Mario Draghi, al governatore della Banca di Italia, Ignazio Visco, al viceministro all’Economia Morando, che ribadiscono quanto finora spiegato dal Mef, vale a dire la positività dell’attuale legge pensionistica, nonostante problemi e rigidità, ma capace di garantire sostenibilità finanziaria al nostro Paese, motivo per il quale ritengono che al momento debba essere lasciata ancora così com’è, senza alcuna modifica.

Del resto, per arrivare a modifiche pensionistiche per abbassare l’età di accesso alla pensione, con quota 100, mini pensione, o a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni, bisogna anche superare l’ostacolo Ue. Qualcosa in tal senso potrebbe muoversi dopo le elezioni di Spagna e Polonia che hanno visto trionfare i fronti euroscettici e per difendersi, l’Ue potrebbe concedere nuovi margini di intervento che in Italia partirebbero certamente dalle pensioni.

Nuove recenti aperture a modifiche alle pensioni anche dal ministro dell’Economia Padoan che pur dichiarandosi ancora contrario a interventi ha lasciato intendere nei giorni scorsi che qualche novità potrebbe arrivare al vaglio del governo e ha ribadito l’importanza di un calcolo pensionistico esclusivamente sulla base dei contributi versati da ogni lavoratore durante la propria vita lavorativa.


   

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il