BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Unico 2015, Imu, Tasi, 730 2015 ordinario, precompilato, CU: proroga nuovi punti richiesti e date. Novità ad oggi e aggiornamenti

Continuano le trattative per l’approvazione delle proroghe richieste da Caf e commercialisti non solo per un rinvio di presentazione del modello 730 e per il primo versamento dovuto per Unico: le ultime notizie




Continuano le trattative per l’approvazione delle proroghe richieste da Caf e commercialisti non solo per un rinvio di presentazione del modello 730 e per il primo versamento dovuto da coloro che presentano il modello Unico per la dichiarazione dei redditi, ma anche per la possibilità di cancellazione delle sanzioni per i sostituti di imposta che hanno inviato Certificazioni Uniche con errori o in ritardo o per coloro che pagamento il primo acconto 2015 di Imu e Tasi.

Il motivo di tutte queste richieste deriva da un accavallamento delle adempienze fiscali cui sono chiamati Caf e commercialisti, per esempio il 16 giugno si deve effettuare sia il primo versamento per Unico sia il pagamento degli acconti Imu e Tasi, cosa che risulta particolarmente difficoltosa per i professionisti abilitati alle prese con troppe richieste da soddisfare da parte dei contribuenti.

Proprio per uscire da questa impasse è stato chiesto di rinviare al 6 luglio il termine di scadenza del primo versamento di Unico e di cancellare le sanzioni, almeno per 30-60 giorni, per chi dovesse pagare oltre la scadenza del 16 giugno la prima rata di Imu e Tasi 2015. E’ probabile poi che venga approvata la proroga di pagamento per l’Unico ma solo per chi effettua gli studi di settore. Probabile anche la proroga di presentazione del modello 730 dal 7 luglio al 14 luglio.

E in tal caso la proroga dovrebbe riguardare tutti i contribuenti che presentano il 730 per la dichiarazione dei redditi, sia in modalità cartacea sia nella nuova modalità precompilata online. Probabile anche che vengano cancellate per il momento, come richiesto dai commercialisti, le sanzioni previste per quei sostituti di imposta che hanno inviato le nuove CU 2015 in ritardo o contenenti errori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il