BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, precoci riforma Governo Renzi: novità quota 100, mini pensione, assegno universale da minoranza Pd

La riforma pensioni passa anche dallo spazio che la minoranza dem riuscirà a guadagnarsi nel rapporto con l'ala governativa. Novità e ultime notizie.




Il dibattito sulla riforma pensioni potrebbe subire una decisa accelerazione in seguito ai risultati delle ultime elezioni regionali. Nonostante il dato numero che lo ha visto vincere i 5 regioni su 7, il Partito Democratico è apparso in difficoltà sia rispetto alle opposizioni che hanno guadagnato terreno (ed espugnato la Liguria) sia rispetto all'incapacità di catturare i bisogni sociali di alcune componenti della società. D'altronde è noto come la politica del premier Matteo Renzi sia quella di smarcarsi dall'ala di sinistra più attenta a diritti ed esigenze di pensionati e fasce deboli della popolazione per spostarsi verso il centro.

Tuttavia per riconquistare smalto e voti, Renzi potrebbe dare maggiore ascolto alle proposte che arrivano dalla minoranza dem. In ambito pensioni, secondo il disegno di legge proposto da Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro alla Camera dei deputati, per rendere meno rigida l'età del ritiro dal lavoro, chi anticipasse il congedo a 62 anni perderebbe soltanto il 2% dell'assegno. Le penalizzazioni arriverebbero a un massimo dell'8%. In alternativa, Pier Paolo Baretta, sottosegretario al Ministero dell'Economia, propone l'idea del prestito Inps sulla pensione futura per chi decide di lasciare, ma non prima dei 62 anni». L'anticipo potrebbe essere di 700 euro, da restituire integralmente e in piccole rate senza interessi.

Ogni decisione, anche in ottica di ricambio generazionale, non può prescindere dai numeri. Nel primo trimestre del 2015 il numero di occupati su base annua è cresciuto di 133.000 unità, pari allo 0,6%. Nello stesso periodo, gli occupati over 55 erano 267.000 in più rispetto al primo trimestre dello scorso anno. Dal 2010 sono un milione in più. Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) è diminuito ad aprile di 1,6 punti rispetto a marzo attestandosi al 40,9%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il