BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Unico 2015, Certificazione Unica, Tasi, Imu, 730 precompilato: proroga, risposta entro questa settimana.Alcune richieste in dubbio

Anche quest'anno si presenta il solo ingorgo fiscale destinato a portare con sé la proroga dei tempi di scadenza del pagamento di alcune imposte.




Il 16 giugno è una data cruciale per i contribuenti italiani. Vanno infatti in scadenza i pagamenti delle prime rate di Tasi e Imu: la prima finanzia i servizi indivisibili, la seconda è per il possesso degli immobili escluse le prime case. In questi giorni si sta parlando di proroghe non solo per i possibili cambiamenti di aliquote che rendono la situazione sempre più incerta, ma anche per via della sovrapposizione con altre scadenze fiscali. Il versamento delle imposte tramite Unico 2015, ad esempio, è in calendario per il 16 giugno. In questo caso, tuttavia, è già pronto per il decreto che dovrebbe dare tempo fino al 6 luglio per passare alla cassa.

A essere coinvolti dalla proroga, oltre ai contribuenti soggetti agli studi di settore, sono quelli in regime dei minimi e quelli con il nuovo regime forfettario introdotto con l'ultima legge di stabilità. In scadenza il 16 giugno 2015 anche le ritenute Irpef di dipendenti e collaboratori, le ritenute Irpef di lavoratori autonomi, le ritenute bonifici delle detrazioni Irpef, l'Irpef (saldo e acconto), l'addizionale regionale Irpef, l'addizionale comunale Irpef, l'Ires (saldo e acconto), l'Irap (saldo e acconto), l'Iva, il diritto annuale della Camera di Commercio, la Tari in molti comuni.

Il dipartimento delle Finanze del Ministero dell'Economia ha poi reso noto che sono circa 5,3 milioni i contribuenti che hanno presentato la dichiarazione Iva per l'anno d'imposta 2013, con un lieve calo rispetto all'anno precedente per via della mancata presentazione della dichiarazione da parte dei soggetti in regime fiscale di vantaggio. L'Iva di competenza dell'anno d'imposta, definita come saldo tra Iva a debito e Iva detraibile, mostra un incremento dell'1,7%. Tale andamento è influenzato dall'aumento dell'aliquota ordinaria al 22%. L'aumento è imputabile alle sole società di capitali mentre si registra un calo per le ditte individuali e per le società di persone.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il