BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi 2015 e Imu 2015: calcolo e compilazione F24 prima casa, affitto, seconda casa da fare da soli senza bollettini precompilati

Appuntamento entro il 16 giugno per mettersi in regola con il versamento degli acconti di Imu e Tasi 2015. Nessun bollettino a casa.




Il 16 giugno 2015 scadono i termini per il pagamento della prima rata di Tasi e Imu. Alla prima sono chiamati i possessori di unità immobiliari per finanziare i cosiddetti servizi indivisibili come pubblica sicurezza e vigilanza locale, illuminazione pubblica, anagrafe e servizi cimiteriali, manutenzione del verde pubblico, manutenzione stradale, tutela edifici ed aree comunali, trasporto pubblico. Va pagata in tutti i comuni senza alcuna differenza. Nei casi di locazione finanziaria, la Tasi spetta al locatario; di multiproprietà ai singoli possessori sulla base delle quote possedute, che devono essere raccolte dall'amministratore; di immobili di cooperative edilizie a proprietà indivisa assegnati ai soci, nulla è dovuto da quest'ultimi.

I codici tributo Tasi da utilizzare sono 3958 su abitazione principale, 3959 su fabbricati rurali, 3960 su aree fabbricabili, 3961 su altri fabbricati. Tuttavia sono pochi i comuni che hanno provveduto a spedire il bollettino precompilato a casa e anche facendone espressamente richiesta, non tutte le amministrazioni sono attrezzate per adempiere a quest'obbligo.

L'Imu è la tassa sul possesso degli immobili che non si paga solo per l'abitazione principale e le relative pertinenze. Anche quest'anno è in vigore una sorta di clausola di salvaguardia che pone un limite massimo al prelievo complessivo di Imu e Tasi. I comuni ha determinato l'aliquota Tasi rispettando il vincolo per il quale la somma delle aliquote della Tasi e dell'Imu, per ciascuna tipologia di immobile, che non può essere superiore all'aliquota massima consentita dalla legge statale, aumentata di una maggiorazione dello 0,8 per mille, quindi 3,3 per mille per il 2014 per l'abitazione principale e 11,4 per mille per le seconde case. In tutti i casi, per determinare quanto pagare è disponibile in questa pagina il nostro simulatore online.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il