BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Unico 2015: proroga, novità oggi martedì, settimana decisiva. Trattative proseguono per ottenere più di proroga minima

I prossimi giorni saranno probabilmente decisivi per capire se saranno accolte o meno le richieste di Caf e commercialisti per il rinvio del primo versamento di Unico: la situazione




I prossimi giorni saranno probabilmente decisivi per capire se saranno accolte o meno le richieste di Caf e commercialisti per un rinvio del primo versamento che spetta a coloro che presentano il modello Unico per la dichiarazione dei redditi. La richiesta prevede il rinvio del versamento dal 16 giugno, giorno in cui tra l’altro scadono anche gli acconti di Imu e Tasi 2015, ai primi giorni di luglio, presumibilmente al 6 luglio. I tecnici hanno chiesto di prorogare il termine di pagamento a causa del ritardo con cui sono stati resi disponibili i modelli correttivi anticrisi e il software Gerico che è necessario per verificare la congruità degli studi di settore.

Il ritardo ha, chiaramente, accorciato i tempi disponibili per la compilazione del modello Unico, allarmando Caf e commercialisti che sono anche alle prese con i calcoli per i pagamenti degli acconti di Imu e Tasi 2015. La proroga comunque interesserebbe i contribuenti soggetti a studi di settore, i contribuenti minimi (che hanno l’imposta sostitutiva al 5%), e i contribuenti che hanno aderito al regime forfettario e che hanno aderito al nuovo regime previsto dalla Legge di Stabilità 2015.

La proroga della scadenza dell’Unico 2015 porterebbe anche al rinvio del termine ultimo per i contribuenti ritardatari, che devono effettuare il versamento con una maggiorazione dello 0,40%, che slitterebbe dal 16 luglio al 20 agosto.

I modelli 2015 per gli Studi di Settore devono essere allegati al modello Unico 2015 e sono necessari per la comunicazione dei dati rilevanti per gli Studi di Settore e relativi alle attività economiche nel settore delle manifatture, dei servizi, delle attività professionali e del commercio, da utilizzare per il periodo di imposta 2014. I modelli si possono scaricare gratuitamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate in formato elettronico. La trasmissione dovrà avvenire poi in via telematica attraverso il servizio telematico Entratel o Fisconline.

Ricordiamo che il modello Unico deve essere presentato dal 2 maggio 2015 al 30 giugno se la presentazione viene effettuata in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale; ed entro il 30 settembre se la presentazione viene trasmessa in via telematica, direttamente dal contribuente tramite servizio Entratel o Internet (Fisconline). Tutti i contribuenti devono a presentare la dichiarazione esclusivamente per via telematica, direttamente o tramite intermediario abilitato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il