BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: insieme ad uscita anticipata si lavora a interventi minori seppur importanti

Non solo prepensionamenti ma anche interventi pensionistici per sostenere determinate categorie di lavoratori e questione ricongiunzioni onerose: novità in discussione sulla riforma pensioni




Prepensionamenti e rendere meno rigidi i requisiti di accesso alla pensione sono i temi su cui è maggiormente puntata l’attenzione di coloro che stanno lavorando per modificare l’attuale riforma pensioni. Ma le novità non vanno solo in questo senso: secondo le ultime notizie, infatti, nel progetto di interventi pensionistici al vaglio del governo vi sarebbero anche altre modifiche che potrebbero riguardare lavoratori che assistono familiari disabili, le lavoratrici madri, e meccanismo per incentivare la staffetta generazionale e il part-time per i lavoratori prossimi alla pensione che potrebbero sostenere così l’occupazione giovanile.

Ancora aperta invece la questione dei lavoratori usuranti e precoci. Tutte ipotesi di lavoro comunque confermate dal ministro del Lavoro Poletti e che dovrebbero arrivare con la prossima Manovra Finanziaria d’autunno, anche se non c’è ancora alcuna conferma in merito e molto dipenderà dalla disponibilità di ricorse finanziarie e dall’andamento dell’economia di Italia.

Nonostante manchino certezze, la deputata del Pd Patrizia Maestri ha sottolineato le giuste intenzioni di agire sulle pensioni, anche considerando le proposte di legge già in discussione in Parlamento. Ai piani di modifica dei requisiti pensionistici e di interventi per determinate categorie di lavoratori, si affiancano ricalcolo contributivo e questione delle ricongiunzioni, che si tratta da oltre un anno e per cui la Gnecchi continua a ribadire la necessità di riconoscere nel minor tempo possibile la possibilità di accesso alla pensione nel caso di contribuzioni versate presso diverse gestioni, cancellando l'incongruenza dell’attuale normativa. Sembra sia invece ancora tutto fermo per quanto riguarda il contributivo donna.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il