BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero Valle D'Aota e Piemonte treni oggi e domani giovedì e venerdì 11-12 Giugno 2015: fasce garantite, quando inizia, finisce

Sciopero dei treni oggi, più precisamente, da stasera e per domani in diverse regioni




AGGIORNAMENTO: Sciopero oggi giovedì 11 Giugno, da stasera, e domani per tutto il giorni pe ri treni di Trenitalia in diverse regioni. Orari, fasce garantite, tiplogia treni interessati e novtià e ultimi aggiornamenti li abbiamo visti qui.

Sono Roma e Milano le città coinvolte nello sciopero del trasporto pubblico locale nelle giornate di domani mercoledì 10 giugno e di giovedì 11 giugno 2015. Nel primo di questi due giorni si fermeranno i mezzi dell'Atac di Roma. L'agitazione del personale, indetta dalle organizzazioni sindacali Orsa e Fast Confsal, durerà 4 ore, dalle 11.30 alle 15.30. Sono dunque previsti disagi alla circolazione per metro A-B-B1-C, ferrovie Roma-Viterbo, Termini-Giardinetti, Roma-Lido, rete tram, rete bus, rete filobus. Lo sciopero non coinvolgerà Trenitalia e né RomaTpl, Ntv, Cotral. A ogni modo il consiglio è di consultare il sito ufficiale Atac o di contattarli telefonicamente prima di organizzare i propri spostamenti.

Il giorno successivo è il turno della città di Milano ed esattamente dei mezzi ATM. Lo sciopero proclamato dalla Confederazione Unitaria di Base Trasporti (Cub Trasporti) durerà 4 ore, dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio. Resta da capire la reale portata di questa protesta, tenendo presente che non saranno coinvolte altre società di trasporto, tra cui Trenord. L'agirazione segue quella degli scorsi 14 e 28 aprile che avevano fatto molto discutere per via della decisione della prefettura del capoluogo lombardo di bloccare la giornata di mobilitazione proclamando "la precettazione dei lavoratori appartenenti all'organizzazione sindacale Cub Trasporti".

Come spiegato dai sindacalisti, lo sciopero prende le mosse dalla "carenza strutturale di personale, in particolar modo dei conducenti di superficie, che costringe i lavoratori ad una quantità di ore straordinarie che superano ogni limite di norma e li priva del diritto di godere appieno delle ferie". Di più: "La proclamazione di questa nuova agitazione si configura come il prosieguo della vertenza intrapresa dal mese di marzo e che ha avuto la sua apoteosi il 28 aprile scorso con l'astensione dal servizio della quasi totalità dei lavoratori dell'ATM Milano".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il