BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Unico 2015, 730 2015 ordinario e precompilato, CU: ufficiale proroga limitata.Estensioni e richieste ulteriori su diverse scadenze

Approvata proroga primo versamento Unico 2015 ora si attendono risposte per 730 e acconti Imu e Tasi 2015: la difficile situazione di Caf e commercialisti




L’Agenzia delle Entrate sembra aver concesso una proroga per il primo versamento di Unico 2015 concedendola, però, ai contribuenti soggetti agli studi di settore, minimi e forfettarii. La nuova versione del software Gerico per verificare la congruità degli studi di settore è stata infatti rilasciata solo il 27 maggio, per cui è difficile per Caf e commercialisti riuscire a completare tutti gli adempimenti fiscali in tempo per i primi versamenti entro la prossima settima. Il termine di scadenza, come da richiesta, è stato prorogato dal 16 giugno al prossimo 6 luglio. Per tutti gli altri contribuenti che avranno bisogno di maggior tempo, resta, come ogni anno ormai, la possibilità di effettuare il pagamento dal 7 luglio al 20 agosto con una maggiorazione dello 0,40%.

La Consulta dei Caf chiede, però, anche una proroga di 10 giorni per il pagamento del modello 730, che potrebbe essere sciolto nei prossimi giorni. Valeriano Canepari, presidente Caf Cisl e coordinatore della Consulta nazionale dei Caf, si è detto, infatti, preoccupato in vista delle tante fiscali alle porte. E che non riguardano solo le dichiarazioni dei redditi.

Come tutti ben sanno, martedì prossimo 16 giugno scade anche il termine di pagamento della prima rata di acconto sia di Imu che di Tasi 2015 ma c’è il problema che molti Comuni non hanno finora deliberato le nuove aliquote di pagamento 2015 e tanti contribuenti hanno atteso che arrivassero novità, rimandando sempre il momento del calcolo.

Il risultato è che alle soglie dei pagamenti, in virtù di diversi problemi creatisi, i Caf, come anche altri professionisti abilitati, si ritrovano sommersi di richieste di aiuto e assistenza tanto per la compilazione delle dichiarazioni dei redditi tanto per i calcoli di Imu e Tasi, per cui è stata chiesta, tra l’altro, una cancellazione delle multe per i primi giorni di eventuale ritardo nei pagamenti rispetto alla scadenza di martedì prossimo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il