BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: soluzioni urgenti pensioni e sanità dopo ultimi dati su intero sistema previdenza

Spesa pensionistica e spesa sanitaria decisamente in crisi: i numeri e gli ultimi datti che attestano la necessità di una revisione della previdenza sociale




Le novità e le ultime notizie su sistema pensionistico e sistema sanitario non sono certo incoraggianti. Dagli ultimi dati emerge, infatti, che entrambi vivono profonde crisi. Secondo gli ultimi dati del Censis, a causa del nuovo sistema contributivo, circa il 65% dei giovani occupati dipendenti che oggi hanno tra i 25 e i 34 anni avrà una pensione sotto i mille euro. Si tratta di una stima che riguarda i 3,4 milioni di giovani che oggi sono ben inseriti nel mercato del lavoro, con contratti standard. Ci sono, infatti, 890.000 giovani tra 25 e i 34 anni con contratti di collaborazione o lavoratori autonomi, e poi ci quasi 2,3 milioni di Neet, che non studiano nè lavorano e che, secondo il Censis, saranno gli anziani poveri di domani.

In questo quadro cresce e notevolmente la spesa pensionistica, dovuta in parte alla spesa assistenziale, motivo per il quale tra le tante modifiche proposta c’è anche quella di una necessità di divisione tra spesa per le pensioni e spesa per l’assistenza. Non va meglio per la spesa sanitaria e sono tantissimi i cittadini che decidono di ricorrere alle strutture private per le proprie cure. Secondo i dati messi in luce dalla la ricerca Censis-Rbm Salute ‘Oltre l’attuale welfare integrativo: rinnovare la previdenza complementare e la sanità integrativa’, nell’ultimo anno si sono allungate le liste di attesa: 20 giorni in più per una risonanza magnetica al ginocchio (da 45 a 65 giorni), 12 giorni in più per una ecografia dell’addome (da 58 a 71), 10 giorni in più per una colonscopia (da 69 a 79).

Elevati anche i costi: dalla ricerca sappiamo, infatti, che una colonscopia senza biopsia nel pubblico costa mediamente 56 euro di ticket e richiede 3 mesi di attesa che possono diventare anche 6 mesi spostandoci nel Centro Italia, o costa 224 euro nel privato con una settimana di attesa; per una risonanza magnetica al ginocchio nel pubblico bisogna pagare un ticket di 63 euro e si potrebbero aspettare fino a 74 giorni. In tutto la spesa sanitaria pubblica supera i 110 miliardi di euro.

Dai dati su spesa pensionistica e spesa sanitaria si evince chiaramente come sia necessario una revisione della previdenza sociale, così come aveva preannunciato lo stesso premier Renzi parlando del decreto previdenza tanto atteso ma di cui non si è fatto più nulla, ancora.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il