BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, vecchiaia, uomini riforma Governo Renzi: novità dati e indicazioni fattibili da rapporto Stato Sociale Sapienza

Quali novità e ultime notizie sulla riforma pensioni alla luce del nuovo rapporto poco incoraggiante sullo stato sociale in Italia?




C'è l'ennesimo studio a dimostrare coma la riforma pensioni non sia più rinviabile. Ad aver elaborato il Rapporto sullo Stato Sociale 2015 è stato Felice Roberto Pizzuti, professore della facoltà di Economia dell'Università La Sapienza di Roma. Viene fuori come l'Italia stia seguendo la direzione opposta rispetto a quella auspicale. In un momento di crisi economica gli ammortizzatori sociali rivestono un ruolo fondamentale si sta andando verso la loro riduzione. Se la disoccupazione giovanile è alle stelle, la staffetta generazionale è la strada da seguire, ma le attuali regole sulle pensioni spostano sempre più in avanti il momento del ritiro e rendono troppo penalizzante il mancato rispetto dei requisiti richiesti.

Il risultato è presto detto: i precari di oggi non potranno mai avere una pensioni dignitosa domani. Una delle soluzioni avanzate è l'introduzione dell'assegno universale come tutela generalizzata e non in sostituzione del lavoro. Ma di fronte a questa opportunità, che vede favorevole il presidente dell'Inps, Tito Boeri, e buona parte dei partiti politici, ha già pubblicamente manifestato la sua contrarietà il premier Matteo Renzi. Appare interessante notare come nel rapporto viene espressa contrarietà rispetto alla proposta di ricalco di tutti gli assegni con il sistema contributivo ovvero anche quelli liquidati con il retributivo.

Non solo previdenza, come argomentato dallo stesso Pizzuti, "riduciamo l'istruzione quando dovremmo puntare di più sull'innovazione e quindi evolvere il sistema verso equilibri produttivi più compatibili e sostenibili. La sanità si sta riducendo nella sua efficacia. Il welfare non è solo un'istituzione che serve a migliorare la qualità della vita, ma serve a stabilizzare l'economia e a renderla efficiente e dinamica. Tutto questo sta venendo meno nel momento in cui servirebbe di più".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il