BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni sono solo primo intervento, riforma strada codice, quota 96, indulto, riforma Severino: novità sabato oggi

Novità e ultime notizie del governo Renzi oggi sabato 13 giugno tra riforma pensioni e sovraffollamento carcerario, nuova riforma del strada e introduzione dell’omicidio stradale.




La strada da seguire per modificare e fare la riforma pensioni e welfare è ancora piuttosto lunga ma anche difficile da definire, esattamente come quella per l’approvazione delle misure di indulto e amnistia. Strada aperta invece alla riforma del codice della strada. Misure, novità, ultime notizie oggi sabato 13 Giugno 2015

Pensioni: E’ stato presentato il ‘Rapporto sullo Stato Sociale 2015’, del professor Felice Roberto Pizzuti della facoltà di Economia dell’Università La Sapienza, che ha spiegato gli effetti della crisi in Italia, e non solo, dall’aumento della disoccupazione giovanile come primo e negativo risultato. Da qui la necessità di spingere di nuovo verso una crescita dell’occupazione che aprirebbe la strada ad una ripresa dell’economia in generale, perché garantirebbe maggiore produttività e competitività per le imprese. Da quanto emerge dal rapporto, la necessità sarebbe quella di modificare pensioni e welfare. Punto di partenza l’assegno universale,sostenuto anche dalla presidente della Camera Boldrini. Nel Rapporto si legge che “Stiamo riducendo le disponibilità degli ammortizzatori sociali proprio nel momento in cui servono maggiormente. Stiamo aumentando l’età di pensionamento quando non ci sono posti di lavoro e dunque, inevitabilmente, questo implica un aumento della disoccupazione giovanile”, parole che ben esprimono l’intenzione di agire sulle pensioni e di farlo non solo con l’assegno universale ma anche modificando gli attuali requisiti per l’accesso alla pensione. Se da una parte, infatti, l’attuale legge pensionistica ha garantito finora sostenibilità finanziaria all’Italia in crisi, dall’altra, ha allungato i tempi di pensionamento per i lavoratori rendendo, di conseguenza, più rigido l’accesso al mondo del lavoro per i più giovani. Da qui bisogna ripartire anche se il presidente dell’Inps Boeri, ieri in audizione in Commissione Lavoro, non ha aperto a particolari possibilità al momento.

Riforma codice della strada: E' ripartita in Aula la discussione per la riforma del codice della strada: ieri l'approvazione, finalmente, del reato di omicidio stradale che introduce pene severe per chi commette reati e omicidi se alla guida in stato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti. Potrà inoltre essere revocata la patente  potrà essere revocata a vita a tutte quelle persone che provocano incidenti mortali in stato di ebbrezza o in condizioni psico-fisico alterate. Per il guidatore che ha causato il grave episodio e non possiede la patente, non ci sarà mai possibilità di prenderla. Previste novità anche per le norme su autovelox, l’uso di mezzi stranieri da parte di cittadini residenti in Italia e legge per chi possiede una bicicletta. Sull’uso di veicoli stranieri da parte di cittadini residenti in Italia, la nuova norma sarà molto chiara. Secondo il nuovo articolo 132-bis non potranno circolare sulle strade italiane tutti quei veicoli (in leasing o locazione) con targa straniera. Per farlo, le persone interessate dovranno immatricolare nuovamente il mezzo in Italia o presentare un documento che certifica il possesso dello stesso veicolo.

Quota 96: Attese ancora risposte dal governo su soluzioni al caso dei quota 96 della scuola. La speranza dei 4mila interessati è che il governo non chiuda la questione deludendo quanti attendono di andare in pensione da oltre tre anni ormai, come accaduto già nel corso del primo anno del governo Renzi.

Indulto e amnistia: Attese ancora anche risposte sulla situazione dei quattro ddl sulle misure di indulto e amnistia. Si continua infatti a discutere delle misure di clemenza che potrebbero risolvere il problema del sovraffollamento carcerario ma, considerando le polemiche degli ultimi mesi, la strada per capire cosa si farà è ancora molto lunga.

Riforma Legge Severino: L'Autorità Anticorruzione (Anac) ha approvato una delibera in cui sottopone a governo e parlamento 25 proposte di modifica alla legge Severino, che nelle ultime settimane ha suscitato particolari discussioni in relazione alla vicenda di Vincenzo De Luca eletto presidente della regione Campania. L'Anac spiega che ‘Nella legge Severino serve un coordinamento tra le norme sulla inconferibilità degli incarichi e quelle su incandidabilità e sospensione: ci sono divergenze sui reati elencati e sulle conseguenze legate alla loro graduazione e gravità’. Le proposte riguardano dunque ipotesi di modifica, integrazioni di lacune, soluzioni di imprecisioni contenute nelle norme attuative della legge Severino, dal decreto con le misure su inconferibilità e incompatibilità degli incarichi; a quello su incandidabilità e divieto a ricoprire cariche elettive e di governo dopo sentenze di condanna.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il