Pensioni donne, vecchiaia, uomini riforma Governo Renzi: novità quota 100, mini pensione da nuovo rapporto sociale Sapeinza

C'è il Rapporto sullo Stato Sociale 2015 a confermare l'indispensabilità della riforma pensioni. Sì all'assegno universale da parte di Laura Boldrini.

Pensioni donne, vecchiaia, uomini riform


C'è l'appoggio di Laura Boldrini, presidente della Camera, all'introduzione dell'assegno universale nell'ambito della riforma pensioni. La novità è arrivata in occasione delle ultime notizie sullo stato del welfare in Italia, giunte in occasione della presentazione del Rapporto sullo Stato Sociale 2015, curato da Felice Roberto Pizzuti della facoltà di Economia dell'Università La Sapienza di Roma. Non tutti all'interno del parlamento e del governo sono però concordi nel sostenere l'introduzione di questa misura, così come quelle sull'applicazione di quota 100 (somma di età anagrafica e anni di contribuzione) come tetto da raggiungere per congedarsi o del prestito previdenziale.

Il rapporto conferma come "stiamo riducendo le disponibilità degli ammortizzatori sociali proprio nel momento in cui servono maggiormente. Stiamo aumentando l'età di pensionamento quando non ci sono posti di lavoro e dunque, inevitabilmente, questo implica un aumento della disoccupazione giovanile". Una notizia positivo è la fine dello spauracchio deflazione ovvero della diminuzione del livello generale dei prezzi. Si sa: senza la stabilizzazione economica a livello precrisi ovvero senza il rilancio di produzione e consumi, fare la riforme, soprattutto quella delle pensioni, è un obiettivo difficilmente raggiungibile.

La stima preliminare dell’Istat sui prezzi al consumo per il mese di maggio sancisce un +0,2% sia a livello congiunturale rispetto al mese di aprile sia a livello tendenziale rispetto al maggio 2014. Il segno più arriva dopo quattro mesi consecutivi di valori negativi. In altre parole è il primo tasso positivo dall'inizio del 2015. La ripresa dell'inflazione è dovuta principalmente all'ulteriore ridimensionamento della flessione su base annua dei prezzi dei beni energetici non regolamentati e all'accelerazione della crescita tendenziale dei prezzi dei servizi, in particolare quelli dei trasporti.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il