BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anticipate ultime notizie: per chi e come forti interventi negativi sostenuti da Gutgeld, Padoan, Renzi, Boeri

La riforma pensioni Renzi potrebbe caratterizzarsi anche per l'introduzione di misure peggiorative per via della mancanza di coperture economiche.




La riforma pensioni potrebbe prendere una piaga ben diversa da quella immaginata. Un assaggio del taglio che potrebbe essere dato alla revisione delle leggi sulla previdenza italiana è arrivato dall'audizione di Tito Boeri in commissione Lavoro alla Camera dei deputati. Come raccontato da novità e ultime notizie, la strada che il presidente dell'Inps proporrà di seguire non è quella dell'applicazione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione da raggiungere per accedere al trattamento previdenziale. Così come non ci sarà spazio per interventi normativi per favorire la staffetta generazionale sui posti di lavoro tra giovani e anziani.

Non solo, ma Boeri ha anche dimostrato il suo scetticismo nei confronti dell'ipotesi, avanzata da Cesare Damiano (Partito Democratico), presidente della stessa commissione Lavoro alla Camera dei deputati, di ammorbidire i requisiti per andare in pensione con una penalizzazione sull'assegno pari al 2% per ogni anno di ritiro anticipo e fino a un massimo dell'8%. Ha invece detto sì all'opportunità di ricalcolo delle pensioni con il sistema contributivo per tutti. In buona sostanza, in cambio di una riduzione dell'importo (fino al 20-25%), il lavoratore può congedarsi prima. All'orizzonte si intravedono interventi peggiorativi. Tutti ruotano attorno alla necessità di ridurre la spesa pubblica, anche quella delle pensioni.

La lista dei favorevoli alla sforbiciate è molto lunga e va dallo stesso premier Matteo Renzi al ministro dell'economia Pier Carlo Padoan passando per il uovo commissario alla spending review Yoram Gutgeld, già consigliere economico di Renzi. Nel mirino ci sono baby pensioni, assegni di reversibilità, pensioni di invalidità e di guerra e il sistema di cumulo degli assegni, rispetto a cui sono già stati depositati alcuni disegni di legge.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il