BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu e Tasi: pagamento, F24 e bollettini postali. Calcolo e compilazione online codici tributo, aliquote prima casa, seconda casa

Si avvicina la scadenza del 16 giugno, ultimo giorno per pagare gli acconti del 50% di Imu e Tasi 2015 senza incorrere in sanzioni.




La scadenza della rata della Tasi, la tassa sui servizi indivisibili, e dell'Imu, quella sulla proprietà immobiliare, è fissata per martedì 16 giugno 2015. L'aspetto a cui prestare maggiore attenzione è quello delle aliquote: in caso di variazione occorre infatti rifare i calcoli, magari sfruttando il nostro simulatore online, gratuitamente disponibile, che consente anche la generazione del modello F24 per il pagamento. Non bisogna perdere di vista le detrazioni, di cui si prospetta un taglio generalizzato, anche se il governo ha stanziato circa 563 milioni di euro per consentire agli enti locali di confermare quelle sulla prima casa.

Un caso a parte sono gli immobili di impresa, quelli che rientrano nella categoria D. Nell'Imu trova applicazione la quota statale del 7,6 per mille dell'imponibile. I comuni possono elevare l'aliquota sino al 10,6 per mille così da incassare l'extra gettito. I fabbricati non censiti, posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, sono soggetti a imposta con il valore contabile rivalutato. Una volta attribuita la rendita catastale, la stessa ha effetti retroattivi sino alla data della richiesta di attribuzione. Nella Tasi non ci sono regole particolari: la base imponibile è la stessa dell'Imu, l'aliquota base è all'1 per mille e la somma con l'Imu non può superare il 10,6 per mille. L'Imu si aggiunge alle imposte sui redditi perché i beni relativi a imprese producono redditi d'impresa e non redditi fondiari.

I codici tributo da utilizzare per il pagamento dell'Imu sono 3912 per abitazione principale e pertinenze (solo categorie catastali A1, A8 e A9), 3914 per terreni, 3916 per aree fabbricabili, 3918 per altri fabbricati, 3925 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, allo Stato, 3930 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, al Comune. Quelli per il versamento della Tasi sono 3958 su abitazione principale e pertinenze, 3959 su fabbricati rurali strumentali, 3960 su aree fabbricabili, 3961 su altri fabbricati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il