BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu e Tasi 2015: prima casa, seconda casa, affitto. Calcolo, compilazione F24, codici, pagamento tutte città e Milano e Bologna

Entro martedì occorre versare gli acconti di Tasi e Imu 2015. Sono pochi i comuni che hanno modificato le aliquote applicate lo scorso anno.




La data da segnare sul calendario dello scadenze fiscali è quella del 16 giugno 2015. Entro martedì occorre pagare le prime rate di Tasi e Imu 2015. I calcoli vanno rifatti solo se sono cambiate le aliquote (in questa pagina c'è il nostro simulatore online), altrimenti è sufficiente presentarsi alla cassa con il bollettino postale o il modello F24 lo stesso importo dello scorso anno.

A Roma l'aliquota Tasi è al 2,5 per mille per abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A1, A8 e A9; unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari. A Napoli aliquota Tasi al 3,3 per mille a carico dei proprietari di unità immobiliari di categoria catastale A2, A3, A4, A5, A6 e A7 adibite a prime case e relative pertinenze.

A Milano l'aliquota è al 2,5 per mille ed è previsto un ampio dettaglio di possibilità per le detrazioni. A Bologna l'aliquota applicata nel 2015 è al 3,3 per mille per la prima casa. Per quelle delle categorie catastali A1, A6 e A9, è in è dello 0,6%, per le aziende è dell'1,06%, per le piccole medie imprese dello 0,76% per 3 anni nel caso di fusioni, agevolazioni e operazioni simili.

I codici tributo per il versamento della Tasi da inserire nel modello F24 sono 3958 su abitazione principale e pertinenze, 3959 su fabbricati rurali strumentali, 3960 su aree fabbricabili, 3961 su altri fabbricati. Quelli per il pagamento dell'Imu sono 3912 per abitazione principale e pertinenze (solo categorie catastali A1, A8 e A9), 3914 per terreni, 3916 per aree fabbricabili, 3918 per altri fabbricati, 3925 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, allo Stato, 3930 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, al Comune.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il