BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità legge per tutti valida con modifiche in riforma PA

Puntare sulla riforma della Pubblica Amministrazione per l’elaborazione di nuove misure pensionistiche che siano però valide per tutti i lavoratori, statali e privati: le ultime notizie




Tornare a puntare sulla riforma della Pubblica Amministrazione per l’elaborazione di nuove misure pensionistiche che siano però valide per tutti i lavoratori, statali e privati. Questo il nuovo piano che sembra delinearsi dalle novità e ultime notizie emerse a proposito delle possibili novità alla riforma della P.A. Continua infatti il suo iter di discussione seppure tra mille polemiche e discussioni, e tra i tantissimi emendamenti presentati, alcuni, presentati da diverse forze politiche, puntano soprattutto sulla revisione del meccanismo di ricambio generazionale e part time.

Così come presentato, il piano prevede che a pagare i contributi del lavoratore che decide di passare al part time e prossimo al raggiungimento dei normali requisiti pensionistici richiesti, sia il lavoratore stesso. E’ certamente una norma non poco contestata visto che in questo modo il part time permetterebbe di diminuire l’orario di lavoro, ma contestualmente anche lo stipendio e non sarebbero più a carico dello Stato i contributi previdenziali. E dunque ci si chiede: quale convenienza ne deriverebbe?

Nessuna sarebbe la risposta, motivo per il quale i lavoratori continuerebbero a lavorare fino al raggiungimento dei requisiti attualmente richiesti, non lasciando però nuove possibilità di lavoro ai più giovani. Per evitare, dunque, che la situazione di prepensionamenti e disoccupazione resti inalterata, bisogna modificare questo piano e tornare magari alla prima proposta avanzata dal ministro della P.A. Madia, quella che cioè prevedeva la possibilità di passaggio al part time, con orario di lavoro ridotto ma continuano a ricevere il pagamento regolare dei contributi da parte dello Stato.

E’ chiaro come, però, modificando il part time degli statali in tal senso, bisognerebbe estendere tali novità anche ai lavoratori privati per evitare che nascano discriminazioni tra diverse fasce di lavoratori, e quindi contenziosi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il