BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato, ordinario, Unico 2015, Tasi, Imu CU: proroga, novità ad oggi tra multe, sanzioni errori e ritardi.

Anche gli obblighi fiscali di quest'anno sono stati caratterizzati da problemi e difficoltà. Sono già arrivate le prime proroghe.




AGGIORNAMENTO: Il punto della situazione, le novità e ultime notizie ad oggi in questo articolo

Il pagamento delle tasse tramite Unico 2015 va ora effettuato entro il 6 luglio. Nel corso della settimana è infatti arrivata la proroga per via del ritardo nel rilascio del software Gerico 2015, in cui sono stati inseriti 204 studi di settore relativi al periodo d'imposta 2014 ovvero 51 studi per il settore delle manifatture, 60 studi per il settore dei servizi, 24 studi per i professionisti, 69 studi per il settore del commercio. La versione finale del programma è scaricabile sul sito dell'Agenzia delle Entrate seguendo il percorso dalla homepage > Cosa devi fare > Dichiarare > Studi di settore e parametri > Studi di settore > Software > Gerico 2015.

Si ricorda che è prevista una penalità dello 0,4% per chi paga in ritardo e che oltre i 1.000 euro è obbligatori l'F24 telematico. I contribuenti che intendono utilizzare in compensazione con altri tributi crediti superiori a 15.000 euro hanno l'obbligo di richiedere a un professionista abilitato l'apposizione del visto di conformità. Questo è un periodo molto affollato dal punto di vista fiscale. Vanno pagati i saldi per il 2014 di Irpef, addizionale regionale ed eventuale comunale, cedolare secca sugli affitti, Ivie e Ivafe. Per chi ha la partita Iva si possono aggiungere anche i contributi Inps, compresi quelli dovuti alla gestione separata.

Sui tempi di trasmissione del modello 730 2015 precompilato è ancora in corso la trattativa con i Centri di assistenza fiscale per lo slittamento di almeno una settimana rispetto alla scadenza del 7 luglio. Tuttavia l'Agenzia delle Entrate ha dato il via libera a possibili cambiamenti nella dichiarazione inviata purché lo si faccia una sola volta ed entro il 29 giugno. Non sembra invece esserci i margini per uno spostamento della data di scadenza del pagamento delle prime rate di Imu e Tasi, fissata per martedì 16 giugno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il