BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2015 e Tasi 2015: seconda casa, terreni, prima casa. Oggi pagamento ultimo giorno, multe errori tutte città e Napoli, Roma

Scade domani, martedì 16 giugno, il termine del primo pagamento di acconto di Imu e Tasi 2015. Quanto si paga a Roma, Rimini e Napoli ed eventuali sanzioni




Scade domani, martedì 16 giugno, il termine di pagamento della prima rata di acconto dell’Imu e della Tasi 2015. Ancora un giorno, dunque, per i contribuenti di procedere a calcolo e versamento delle imposte sulla casa. Chi non dovesse farlo entro domani, da mercoledì 17 giugno  sarà soggetto alle multe previste per chi paga in ritardo. Anche per quest’anno i ritardatari potranno ricorrere al ravvedimento operoso per saldare i versamenti di Imu e Tasi. Ma a sorpresa potrebbe essere prorogato di 30-60 giorni il termine di entrata in vigore delle multe per errori o ritardi. Domani dovrebbe arrivare la risposte ufficiale.

Intanto, i cittadini di Roma che devono ancora pagare, devono effettuare il calcolo sulle aliquote 2014: quelle Imu del 5 per mille la prima casa rientrante nella categoria catastale A1, A8 e A9 con detrazioni di 200 euro, e del 10,6 per mille per altri immobili. Per quanto riguarda la Tasi, invece, le aliquote restano al 2,5 per mille per l’abitazione principale (categoria catastale da A2 ad A7), all’1 per mille per l’abitazione principale e relative pertinenze classificate nelle categorie catastali A/1, A/8, A/9, e allo 0,8 per mille per tutti gli altri immobili, con detrazioni modulate sulla rendita catastali e che sono di 110 euro per immobili con rendita fino a 450 euro, 60 per la rendita tra 451 e 650 euro e 30 euro per immobili con rendita fra 651 e 1.500 euro. Per gli inquilini che vivono in affitto è previsto il pagamento di una quota della Tasi pari al 20% dell’imposta totale e il restante 80% è a carico del proprietario.

Anche Napoli ha deciso di mantenere le aliquote 2014, che per l’Imu sono al 6 per mille per la prima casa (categorie catastali A1, A8 e A9), all’8 per mille per gli immobili locati con contratto concordato, al 6,6 per mille per gli immobili locati a canone concordato a giovani coppie, e al 10,6 per mille per seconda casa e tutti gli altri immobili. Per quanto riguarda la Tasi, l’aliquota prevista nel 2014 per le abitazioni principali non di lusso (categorie catastali A2, A3, A4, A5, A6 e A7) e relative pertinenze  al 3,3 per mille.

Rimini, invece, ha deciso novità per questo 2015 e aliquote Imu sono dello 0,6% per le abitazioni principali di lusso e relative pertinenze, dello 0,89% per terreni agricoli, abitazioni concesse in locazione, immobili ad uso produttivo classificati nella categoria catastale D/1 e D/7; mentre la Tasi è aumentata al massimo del 3,3 per mille.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il