BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità leggi sociali in decreti attuativi pur nulla per pensioni

Le principali novità in ambito welfare arrivare sul fronte del lavoro. Ancora ritardi per le novità sulla riforma pensioni Renzi.




L'attenzione del governo è concentrata più sul versante del lavoro che su quello della riforma pensione. Eppure, come riferiscono novità e ultime notizie, soprattutto in un'ottica di staffetta generazionale, è indispensabile che i due comparti viaggino di pari passo. D'altronde gli ultimi dati sulle comunicazioni obbligatorie del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali segnalano come ad aprile il numero di attivazioni di nuovi contratti di lavoro in tutti i settori sia stato pari a 912.764, a fronte di 700.602 cessazioni, con un saldo di oltre 212.000 contratti. Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera definitivo alle novità sul congedo parentale, con l'estensione da 3 a 6 anni e da 8 a 12 anni di età del bambino dell'arco temporale entro cui mamme e papà possono beneficiare di quello retribuito al 30% e di quello non retribuito.

Viene introdotta la possibilità di sfruttare il congedo a ore oppure di prendere il part time al posto del congedo parentale. Grazie al nuovo decreto gli iscritti alla gestione separata acquistano il diritto all'indennità di maternità anche in caso di mancato versamento dei contributi previdenziali da parte del committente. Il 10% del fondo per il finanziamento degli sgravi contributivi per incentivare la contrattazione di secondo livello sarà destinato alle misure per la conciliazione.

Tra le novità anche il riordino degli ammortizzatori sociali con la stretta per la cassa integrazione, la cui durata massima viene fissata a 24 mesi, che può salire a 36 mesi se abbinata ai contratti di solidarietà. I telelavoratori non saranno conteggiati nei limiti numerici previsti da leggi e contratti per l'applicazione di particolari normative e istituti ovvero non influiranno sul conteggio delle assunzioni appartenenti alla categorie protette. Prevista infine l'istituzione dell'Agenzia dell'ispettorato del lavoro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il