BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero aerei oggi lunedì e treni martedì domani Frecce, Trenord, Trenitalia, Italia: quando inizia, finisce, aggiornamenti

Domani 16 giugno per 8 ore si fermerà la circolazione dei treni per via dello sciopero del personale. Previsti ritardi e cancellazioni.




Domani martedì 16 giugno 2015 si ferma la circolazione ferroviaria di Trenitalia, Trenord e Ntv per via dello sciopero del personale mobile e degli addetti all'assistenza alla clientela. Più precisamente non saranno garantiti i treni per 8 ore, dalle 9 alle 17. Alla base dell'agitazione proclamata dai sindacati Orsa, Cat e Cub, c'è l'aggressione subita da un capotreno e da un dipendente fuori servizio lo scorso 11 giugno. Ci sono dunque da mettere in conto ritardi e annullamenti. Il modo più rapido per rimanere aggiornati è la consultazione dei siti trenitalia.com, fsnews.it e ntvspa.it.

Sarà coinvolto nell'agitazione anche il personale Trenord. In particolare, nella medesima fascia oraria dalle 9 alle 17, i servizi regionale e suburbano potranno subire variazioni e cancellazioni. Non saranno esenti i collegamenti aeroportuali Milano Cadorna e Milano Centrale con Milano Porta Garibaldi e Malpensa Aeroporto così come quello tra Malpensa Aeroporto e Bellinzona. Non sono da escludere ripercussioni sia prima dell'inizio dell'agitazione sindacale sia dopo la sua conclusione. Anche in questo caso, il suggerimento è di consultare il sito trenord.it, seguire i tweet inviati direttamente dalla sala operativa, prestare attenzione alle informazioni presenti sui monitor e agli annunci sonori diffusi nelle stazioni.

Come spiegato dalle organizzazioni sindacali, aziende e Istituzioni "devono farsi carico di questa emergenza. Per chi lavora sui treni, nelle stazioni, per chi viaggia. I treni non possono essere una giungla. Perché è nella giungla che si usa il machete, non per staccare il braccio ad un ferroviere che svolge la propria attività lavorativa. Da anni stiamo intervenendo presso le Istituzioni e le imprese ferroviarie per denunciare la recrudescenza di un fenomeno di rilevanza sociale".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il