BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero domani treni martedì 16 Giugno 2015: orari, fasce, tratte garantite, quando e dove Trenitalia, Frece, Trenord, Italo

Per la giornata di Martedì 16 Giugno è previsto lo sciopero dei treni che coinvolgerà diverse aziende di trasporto su ferro.




Questo sciopero è stato indetto dai sindacati che assistono tutto il personale che opera a bordo dei treni, compresi i macchinisti, e viene messo in atto perché si vuole protestare contro la'ssurdo gesto di violenza che alcuni controllori hanno subito su un treno nel comune di Milano, alla fermata di Villapizzone. Questo gesto assurdo compiuto da alcuni persone provenienti dal Sudamerica ha visto il ferimento molto grave di un controllore che rischia seriamente di perdere un braccio.

Non è il primo episodio di violenza che coinvolge il personale che opera a bordo dei treni, ma di sicuro questo è il più grave. Per questo lo sciopero avrà carattere nazionale, e sarà osservato per ben otto ore, dalle otto alle diciasette, e vedrà coinvolte le compagnie di Trenitalia, Italo e Trenord.

Sono a rischio le circolazioni sulle rotte nazionali percorse dai treni Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca, inoltre sono a rischio anche le corse regionali, quindi prima di mettersi in viaggio meglio consultare i siti delle varie aziende coinvolte.

Anche lo sciopero Trenord potrebbe creare dei disagi, soprattutto per quei turisti che andranno a osservare l'Expo: questa compagni infatti si occupa dei maggiori collegamenti verso l'esposizone universale. Con questo sciopero si vuole provare a cambiare le leggi che riguardano la sicurezza dei personale dei treni.

Un esempio drammatico della mancanza di sicurezza sta nel fatto che la polizia ferroviaria alle sette di sera già smette il suo servizio, mentre comunque sci sono treni che passano anche a tarda serata, e quindi le stazioni rimangono senza nessuno che possa intervenire in caso di atti violenti. Si tratta di una situazione che non si può più sostenere,e si spera in un serio intervento del governo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il