BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 precompilato, ordinario Cu: proroga a determinate condizioni. Rinvio nuovo date ufficiale o quasi. Multe Tasi e Imu confermate

Scadono oggi i termini di pagamento degli acconti Imu e Tasi 2015 senza proroghe per multe e sanzioni al momento. Le trattative sulle altre scadenze




AGGIORNAMENTO: Apertura importante per il 730 2015 precompilato e ordinario dell'Agenzia delle Entrate cha fa formulato una propria proposta per la proroga con nuove date, ma a dterminate condizioni. Tutto nei dettagli in questo articolo

Scade oggi, martedì 16 giugno, il termine di pagamento della prima rata di acconto di Imu e Tasi 2015 ed è difficile che arrivi la proroga tanto attesa per i pagamenti all’ultimo momento. E’ caos dunque oggi, ma lo sarà anche nei prossimi giorni quando milioni di contribuenti ritardatari dovranno fare i conti con i calcoli delle imposte sulla casa considerando multe e sanzioni.

Concessa, invece, una proroga per il primo versamento di Unico 2015 per i contribuenti soggetti agli studi di settore, minimi e forfettari, a causa del ritardo con cui è stata resa disponibile la nuova versione del software Gerico per verificare la congruità degli studi di settore. La nuova scadenza è in programma per il prossimo 6 luglio.

Si tratta ancora, invece, per la richiesta da parte dei Caf per la proroga di 10 giorni per il pagamento del modello 730. Al momento l’Agenzia delle Entrate ha concesso la possibilità di correggere la dichiarazione CU inviata che sostituisce quella precedente senza incorrere in alcuna sanzione fino al 29 giugno. Per chi, invece, effettua oggi il pagamento del modello F24, il termine per la presentazione della nuova dichiarazione è rimandato al 21 giugno.

Considerando che oltre i termini del 29 giugno e del 21 giugno non sarà più possibile procedere alla sostituzione del modello 730, per apportare eventuali ulteriori modifiche alla dichiarazione bisognerà utilizzare il modello 730 ordinario integrativo rivolgendosi a Caf, commercialisti o altri professionistici abilitati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il