BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma: Renzi nega l'assegno universale uno dei punti del suo programma iniziale

Il premier Renzi fa un passo indietro sull’assegno universale: lo definisce incostituzionale scatenando non poche perplessità. Le novità




L’assegno universale, sostenuto da tutti Ue compresa, che sembrava ormai di certa approvazione potrebbe non arrivare più. A spegnere gli entusiasmi sulla misura il premier Renzi che, ospite a Porta a Porta, tra le novità e ultime notizie, lo avrebbe definito ‘incostituzionale’. Renzi avrebbe infatti detto che “La questione occupazione è ai vertici di tutte le preoccupazioni, ma il compito dei politici non è quello di dare i soldi per stare a casa: dobbiamo dare l'idea di dare l’opportunità, di crearti un posto di lavoro, se uno ha voglia”.

E’ un’affermazione che lascia decisamente perplessi, soprattutto dopo le ultime dichiarazioni di voler riprendere a fare ‘il Renzi’, portando avanti le sue idee con forza come avvenuto finora, ma sono parole che sembrano confermare, in parte, ciò che è sempre stato auspicato da Cesare Damiano in tal senso.

Damiano, infatti, ha sempre sostenuto che al posto dell’assegno universale per gli over 55 sarebbe stato meglio pensare a piani di rioccupazione o di prepensionamento. E la nuova posizione di Renzi potrebbe rappresentare una prima apertura pratica alla minoranza Pd anche se fa venire meno, ancora una volta, la sua credibilità, considerando che da sempre Renzi sostiene la necessità dell’assegno universale.

Nelle prime Leopolde, infatti, l’assegno universale rappresentava uno dei punti programmatici perchè non era possibile che in Italia ancora non fosse presente così come nella maggior parte dei Paesi europei. Ma ora si fa un passo indietro. Come accaduto già con l’annuncio dell’estensione del bonus di 80 euro anche ai pensionati, mai arrivato, e con il decreto previdenza. Caduto nel dimenticatoio dopo essere stato annunciato, sembra tornato in discussione in questi giorni, e sostenuto anche dalla sua ‘squadra’, presidente dell’Inps Boeri in testa.

Ora bisognerà considerare anche come l’intenzione di Renzi di eliminare dalle possibili modifiche l’assegno universale, venga presa da Boeri che, nel suo piano di interventi pensionistici che dovrebbe essere presentato entro fine mese al governo, avrebbe dovuto definire proprio l’assegno universale per gli over 55.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il