BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità leggi presentate nuove. Per chi, come funzionano requisiti

Solo con la manovra finanziaria di fine anno è possibile attendersi una vera riforma pensioni valida per tutti i lavoratori.




Non è ancora stato definito un piano di riforma pensioni a carattere universale. Come spiegato a più riprese da Giuliano Poletti, ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, l'appuntamento con l'introduzione di misure strutturali è solo con la manovra finanziaria di fine anno. Fino a quel momento, novità e ultime notizie riferiscono come si vada avanti a tutela di singole categorie, quasi a tentativi per correggere alcune della situazioni più penalizzanti. Ecco allora che torna al centro dell'attenzione la proposta di legge sulle cosiddette lavoratrici quindicenni ovvero quelle che hanno raggiunto i 15 anni di contributi entro il 31 dicembre 1992.

Presentato dalla Lega in commissione Lavoro alla Camera dei deputati, finisce ora all'attenzione del parlamento. I punti centrali attorno a cui ruota la proposta sono l'utilizzo delle risorse stanziate nel fondo esodati senza vincoli temporali per l'accesso alla salvaguardia, il blocco alla finestra di accesso e alla stima di vita per congedarsi a 57 anni, possibilità di accedere al sistema previdenziale a 64 anni per i lavoratori del pubblico impiego per chi ha raggiunto quota 96, come somma di età anagrafica e anni di contribuzione, entro il 31 dicembre 2012. A essere coinvolti, oltre alle lavoratrici quindicenni, sono anche i lavoratori nella Cassa Edile e gli autorizzati ai volontari prima del 20 luglio 2007.

Poi ci sono gli emendamenti di Sinistra Ecologia e Libertà e del Movimento 5 Stelle al piano di riforma Buona Scuola del governo Renzi. Alcuni di questi riguardano i cosiddetti quota 96 del mondo della scuola ovvero quei lavoratori che, nonostante il compimento di 61 anni d'età e il raggiungimento di 35 anni di contributi previsti dalla normativa di riferimento, non sono andati in pensione a causa dell'introduzione delle norme contenute nella legge attuale , che non hanno tenuto conto della peculiarità del calendario scolastico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il