BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 ordinario, precompilato e Certificazione Unica: proroga ufficiale o quasi, i dubbi ancora da chiarire e su cui rispondere

Dovrebbero essere concessi altri 16 giorni di tempo a Centri di assistenza fiscale e intermediari abilitati per la trasmissione del modello 730.




Si va verso un compromesso per la proroga dell'invio del modello 730 2015 precompilato e ordinario. Rispetto alla data del 7 luglio, Agenzia delle Entrate e Ministero dell'Economia sono pronti a concedere un supplemento di tempo fino al 23 luglio, ma solo per i Centri di assistenza fiscale e gli intermediari abilitati che smaltiranno entro il 7 luglio l'80% del lavoro. Lo slittamento dei tempi riguarderà sia i modelli precompilati sia quelli ordinari. C'è però il rovescio della medaglia: lo spostamento dei tempi di erogazione dei rimborsi in pensione e in busta paga per i contribuenti che si presenteranno in ritardo all'appuntamento con i Caf. Non si tratta di una novità assoluta poiché già nel 2007 si era ripetuto uno schema simile.

C'è poi un altro nodo da sciogliere ed è quello delle sanzioni per errori o ritardi di trasmissione all'Agenzia delle Entrate delle Certificazioni Uniche. Da quest'anno e in riferimento ai redditi erogati nel 2014, i sostituti d'imposta devono utilizzare un solo modello per attestare i redditi di lavoro dipendente e assimilati, fino al 2014 riportati nel Cud, ed eventuali altri redditi. Per via delle difficoltà a essere puntuali e precisi rispetto a questo adempimento, i professionisti del settore stanno chiedendo la mancata applicazione delle sanzioni.

Nel caso non vi sia prosecuzione dell'attività da parte di altri, le certificazioni devono essere emesse e trasmesse in nome e per conto del soggetto estinto da parte del liquidatore, curatore fallimentare, commissario liquidatore o dagli eredi, che indicheranno il proprio nominativo nella sezione "Dati relativi al rappresentante firmatario della comunicazione" posta nel frontespizio della comunicazione intestata al soggetto estinto. In caso contrario se le operazioni di conguaglio di fine anno o di fine rapporto sono state effettuate dal soggetto estinto, colui che prosegue l'attività deve trasmettere le certificazioni indicando nel frontespizio e nella sezione dati anagrafici delle singole certificazioni i propri dati.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il