BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: iniziative politiche e popolari continuano per quota 100, mini pensione

Questione previdenziale sempre e ancora al centro di dibattiti, incontri e iniziative: quali gli obiettivi e la situazione reale. Le novità




Questione previdenziale sempre e ancora al centro di dibattiti, incontri e iniziative, tutte con un unico obiettivo: dimostrare la necessità e l’urgenza di modificare l’attuale legge pensionistica per sostenere il prepensionamento dei lavoratori più anziani, favorire l’ingresso dei più giovani nel mondo del lavoro, rilanciando, pertanto, l’occupazione giovanile decisamente a livelli bassissimi nel nostro Paese, e garantire pertanto un maggiore equilibrio del sistema previdenziale.

Questo, nonostante sia stata ribadita solo qualche giorno fa dal presidente dell’Inps Boeri l’impossibilità di modificare la riforma pensioni in tal senso al momento, con quota 100 o mini pensione. I piani al vaglio da mesi ormai risultano troppo costosi e il governo non può permetterselo.

Eppure martedì 16 giugno le pensioni sono state al centro del tavolo del Conup, il Coordinamento nazionale unitario pensionati, pronto a protestare contro il mancato rispetto della Sentenza dell’Alta Corte sui risarcimenti ai pensionati e chiedere l’adeguamento immediato a quanto previsto; domenica 14 si è parlato, invece, di pensioni durante il dibattito ‘Il Welfare del domani’, all’interno delle Giornate del Lavoro della Cgil e dei voluti mancati interventi pensionistici considerando che, come hanno spiegato alcune forze sindacali, volendo effettivamente agire, le risorse ci sarebbero e si potrebbero comunque recuperare da altri fronti.

Pensioni e questione previdenziale sono state protagoniste anche dell’incontro tenutosi alla Sapienza di Roma la settimana scorsa, in occasione della presentazione del ‘Rapporto sullo Stato Sociale 2015’, del professor Felice Roberto Pizzuti, da cui è emersa, nonostante le recenti smentite del premier Renzi, la necessità come priorità assoluta dell’assegno universale, rilanciato anche dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, insieme alla necessità di ridurre il gap generazione delle pensioni creatosi in questi anni e l’alta disoccupazione giovanile dilagante risultato dell’allungamento dell’età pensionabile per tutti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il