BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prove INVALSI risultati ufficiali matematica, italiano usciti: soluzioni, risposte a domande corrette uscite. Dove trovare

Quello di domani è il giorno delle prove Invalsi per gli studenti della terza media. In mattinata saranno rese note le griglie di correzione.




Arrivano domani venerdì 19 giugno le prove Invalsi 2015 per gli studenti della terza media. Per qualcuno si tratta di un vero e proprio spauracchio poiché le domande sono elaborate da un ente esterno, l'Invalsi, e sono le stesse per tutte le scuole. Oltretutto la valutazione farà media per l'elaborazione del risultato finale. Tra i siti da consultare per cercare aggiornamenti in tempo reale sulle prove Invalsi, ci sono quelli dedicati al modo della scuola, come ScuolaZoo.it, Skuola.net, Studenti.it e OrizzonteScuola.it. Non vanno persi di vista i portali generalisti di informazione, come Corriere.it, Repubblica.it e ilSole24Ore.com. In prima fila ci saranno anche le piattaforme di social network, da Facebook a Twitter. A ogni modo, si ricorda che è vietato l'utilizzo di smartphone e, più in generale, di dispositivi elettronici.

Solamente domani sarà resa pubblica, anche sul sito Invalsi, la griglia di correzione per le prove. Un anno fai il fascicolo di matematica è stato composto di 26 domande, alcune delle quali sono costituite da più di un item. Le domande o gli item sono stati classificati in diversi blocchi, in relazione al livello di competenza coinvolto: blocco A (massimo 30 punti), blocco B (massimo 14 punti), blocco C (massimo 6 punti). Alla prova di Matematica sono dunque stati attribuiti al massimo 50 punti. Stesso punteggio massimo anche per il test di italiano, articolato in comprensione di un testo letterario di carattere narrativo, comprensione di un testo di carattere espositivo, grammatica.

A ben vedere, anche le domande di grammatica, apparentemente semplici, hanno bisogno di molta attenzione per la risposta. Lo scorso anno è stato chiesto: nella frase "Inviterò anche Maria perché tu la conosca" la congiunzione perché ha valore causale, interrogativo, finale, consecutivo. Oppure, nella frase "Era previsto uno spettacolo magnifico ma a causa del maltempo fu annullato: quando lo seppi ci rimasi male", il pronome lo si riferisce al fatto che lo spettacolo fu annullato, al maltempo, al fatto che era previsto uno spettacolo magnifico allo spettacolo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il